Minorenne e già spacciatore: 17enne brianzolo finisce in carcere al Beccaria

I genitori erano all'oscuro di tutto: la perquisizione nella villetta di Meda dove il pusher minorenne viveva con mamma e papà

IMMAGINE DI REPERTORIO

A 17 anni, era già uno spacciatore, con un buon giro di clienti, all’insaputa dei genitori, che pensavano fosse un bravo ragazzo. Un adolescente di Meda è stato arrestato dai carabinieri di Seregno per detenzione e spaccio di stupefacenti.

Papà e mamma erano all’oscuro di tutto. E’ stata grande la loro sorpresa quando i militari hanno cifonato alla villetta dove il 17enne viveva, al confine tra Seregno e Cabiate. E hanno chiesto di perquisire la casa. Nella cameretta del giovanissimo spacciatore, i carabinieri hanno scoperto che c’era droga. Venti grammi di ecstasy, in un cassetto. Altri venti grammi di marijuana erano infilati in un barattolo, su una mensola,12 grammi di droga chimica invece li teneva in tasca. E, mentre i militari erano impegnati nella perquisizione, ha tentato di farle sparire tra le coperte. Subito scoperto.

Il 17enne, incensurato, è stato portato al carcere minorile Beccaria di Milano. Ad aggravare la sua posizione c’è il fatto che, in casa, in una tavernetta, hanno trovato bilancini di precisione e tutti gli accessori necessari per confezionare droga. Il ragazzino, studente, poteva contare, grazie allo spaccio, su ingenti quantità di denaro. I carabinieri lo hanno sorpreso sabato sera mentre, davanti alla sua casa, stava vendendo droga a un 18enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento