Eroina agli studenti sui treni: sesso coi pusher e furti per pagare le dosi

La polizia ha arrestato un gruppo di spacciatori che vendeva cocaina, eroina ed hashish sul treno Besanino o nelle stazioni. I clienti, giovanissimi e spesso senza soldi, pagavano le dosi con merce rubata o con il sesso

Lo spaccio avveniva in stazione o sui treni - Foto repertorio Paolo Bonfanti

Qualcuno pagava in natura, offrendo il proprio corpo. Qualcun altro svaligiava negozi e piccoli esercizi commerciali, per avere una merce di scambio. Altri ancora, invece, si limitavano a provare in vista di un futuro “affare”. 

Erano disposti a tutto pur di avere la droga, i clienti , giovanissimi, degli “spacciatori del Besanino”, i pusher albanesi, marocchini e italiani che vendevano hashish, eroina e cocaina sui treni in viaggio tra Lecco e Besana Brianza. 

Venerdì mattina, la polizia di Lecco ha smantellato l’organizzazione criminale, eseguendo diverse ordinanze di custodia cautelare tra le province di Lecco, Milano e Monza Brianza. L’accusa per tutti gli arrestati è di spaccio di stupefacenti. 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, gli spacciatori - tutti di origine albanese, marocchina e italiana - si dividevano in gruppi e viaggiavano tra Lecco e la Brianza alla ricerca di clienti tra i pendolari, soprattutto giovani e studenti. 

L’organizzazione era ben strutturata e i pusher offrivano ai ragazzi addirittura la possibilità di “provare” la droga gratuitamente, lasciando poi il proprio numero di cellulare per concordare gli acquisti futuri. 

Molti dei clienti, identificati dalla polizia, sono minorenni. Ma neanche la giovane età e la mancanza di soldi sono riusciti a fermarli nella loro caccia alla droga. Stando a quanto ricostruito dagli agenti, infatti, molti degli acquirenti si sono resi responsabili di furti e rapine in negozi delle zona, con la merce rubata che veniva poi barattata coi pusher in cambio di una dose. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ragazzine senza soldi, invece, offrivano prestazioni sessuali agli spacciatori. Il “premio”? Anche per loro qualche grammo di hashish, cocaina o eroina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento