Litiga con la moglie e spara alcuni colpi di fucile: paura in via Tevere

L'arresto a pochi passi dal centro del capoluogo brianzolo all'alba di lunedì mattina L'accaduto

"Correte, qualcuno sta sparando in strada". Questa la segnalazione arrivata alla centrale operativa dei carabinieri di Monza all'alba di lunedì quando alcuni residenti, spaventati, hanno segnalato alcuni spari provenire da uno stabile di via Tevere.

I militari si sono precipitati immediatamente sul posto e hanno notato che accanto a una finestra del sottotetto di una costruzione residenziale c'erano dei solchi simili a quelli lasciati dall'esplosione di colpi di armi da fuoco. I carabinieri, esaminando i segni, hanno dedotto subito che si trattava di cartucce da caccia e, mentre erano in corso alcune verifiche, dal portone di un condominio contiguo è uscito un uomo con un'arma in mano e fuori di sè. Questo, urlando ingiurie contro i militari e frasi incomprensibili, ha aperto il fuoco contro i carabinieri e ha esploso tre colpi nel tentativo di colpire le divise. 

Dopo questo spettacolo di follia poi l'uomo è rientrato di corsa nel condominio e si è barricato nel proprio appartamento: i carabinieri lo hanno raggiunto e hanno perquisito l'abitazione. In camera da letto è stata rinvenuta una cartuccia calibro 12 esplosa mentre le verifiche nel giardino dietro l'abitazione hanno portato alla scoperta di una doppietta 12 da caccia modificata a canne mozze e con il calcio tagliato. Nella camera di scoppio poi erano presenti due cartucce esplose. 

Insieme all'arma l'uomo deteneva anche una cartucciera con relativo munizionamento. Secondo quanto è stato ricostruito dai carabinieri il proprietario dell'abitazione, un 33enne italiano, disoccupato, con qualche piccolo precedente alle spalle, durante la notte aveva litigato furiosamente con la moglie e aveva esploso in aria alcuni colpi di arma da fuoco, spaventando non solo la donna ma tutto il quartiere. 

Per lui le manette sono scattate con l'accusa di detenzione abusiva di arma da fuoco e munizionamento, minaccia aggravata a pubblico ufficiale, alterazione di armi ed esplosioni pericolose. L'arma e le cartucce sono state sequestrate. In seguito all'accaduto nessun militare fortunatamente è rimasto ferito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento