Spettacoli e attori d'eccezione, presentata la "Grande Prosa" del teatro Manzoni

Si parte a novembre con "Van Gogh- L’odore assordante del bianco" interpretato da Alessandro Preziosi

Il teatro Manzoni di Monza

Da Alessandro Preziosi a Violante Placido, passando da Alessio Boni e Anna Maria Guarnieri. È stato presentato ufficialmente il programma degli spettacoli della sezione "Grande Prosa" in programma al Teatro Manzoni per la stagione 2019/2020. In calendario otto spettacoli in abbonamento con Compagnie di rilevanza nazionale e con artisti e progetti d’eccezione. 

“La Grande Prosa 2019/2020 si presenta particolarmente preziosa per l’importanza dei protagonisti coinvolti, con “big” del teatro come Giulia Lazzarini, Ugo Pagliai, Massimo Dapporto, attori che si muovono tra cinema e teatro come Preziosi o Boni e interessanti incursioni in prosa di artisti provenienti da altri percorsi artistici, come Ale & Franz - commenta il Direttore Artistico Paola Pedrazzini - Ma anche per l’esclusività degli spettacoli: ad esempio gli attesissimi debutti di stagione di “Arsenico e vecchi merletti”, “Romeo & Giulietta. Nati sotto contraria stella”, “Testimone d’accusa”, “Ditegli sempre di sì”, oltre agli spettacoli che vengono da una stagione di grande successo di critica e pubblico”.

Gli spettacoli in programma al Manzoni

 La stagione inizierà a novembre con «Van Gogh- L’odore assordante del bianco» interpretato da Alessandro Preziosi, proseguirà con «Don Chisciotte» con Alessio Boni, mentre a dicembre è in programma «Arsenico e Vecchi merletti» con Giulia Lazzarini e Anna Maria Guarnieri. Il nuovo anno si aprirà all’insegna della nuova drammaturgia con «Romeo & Giulietta. Nati sotto contraria stella» con Ale & Franz e proseguirà con «Un borghese piccolo piccolo» di Cerami interpretato da Massimo Dapporto. A marzo è in programma «Testimone d’accusa», con Ugo Pagliai e Violante Placido. A seguire «I promessi sposi alla prova» di Testori, diretto da Andrée Ruth Shammah e per finire «Ditegli sempre di sì», nuova produzione della compagnia di Luca De Filippo.

“La Stagione del Teatro comunale è il termometro dello stato di salute della cultura in città, spiega il Sindaco Dario Allevi. La forte attrazione esercitata dal Manzoni su grandi artisti e compagnie teatrali che arrivano da noi chiamati a lavorare in assoluta autonomia e indipendenza, sia dal punto di vista artistico che progettuale, è la prova di uno straordinario dinamismo culturale. Come lo è il pubblico appassionato e competente, sempre alla ricerca di stimoli nuovi. Per questo il Teatro Manzoni, come la Reggia o il Duomo è un patrimonio culturale della città di cui i monzesi dovrebbero andare orgogliosi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • "Aiuto la mamma è in pericolo", bimbo di tre anni chiama i vicini e salva madre

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento