menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto repertorio

Foto repertorio

Droga una ragazzina e la stupra poi si nasconde in Brianza: arrestato operaio

In manette un cittadino peruviano di trentacinque anni. Deve scontare venti anni di carcere

In Italia era un normalissimo operaio. Carabinieri e polizia non avevano mai avuto a che fare con lui. Eppure, sulla sua testa pendeva un ordine d'arresto internazionale per una violenza sessuale su una ragazzina minorenne che gli era costata una condanna a venti anni di carcere.  Un cittadino peruviano di trentacinque anni - incensurato, almeno per la legge italiana - è stato arrestato giovedì pomeriggio dai militari della tenenza di Paderno Dugnano.

Gli uomini dell'arma sono andati a prenderlo in un'azienda di Nova Milanese - dove il trentacinquenne lavorava - e lo hanno accompagnato nel carcere di San Vittore, dove si trova adesso in attesa dell'estradizione. Presto, infatti, l'uomo sarà riaccompagnato in Perù, dove deve scontare venti anni di prigione.

Nel 2007, infatti, - stando a quanto accertato dalle forze dell'ordine peruviane - avrebbe abusato di una ragazzina all'epoca minorenne. Un pomeriggio di fine dicembre - sempre secondo le ricostruzioni delle autorità - il trentacinquenne e un suo amico avrebbero raggiunto la vittima a casa sua e l'avrebbero convinta a seguirli in auto. Poi, l'avrebbero fatta bere e verso mezzanotte l'avrebbero portata nella stanza di un motel. Lì, l'operaio l'avrebbe drogata e stuprata. 

Subito dopo la violenza, l'uomo sarebbe partito alla volta della Brianza per raggiungere due sorelle. E proprio in Brianza la sua fuga dalla giustizia è finita.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento