Cronaca Nova Milanese

Uccide la famiglia con il tallio, il veleno forse nell'acqua minerale

I dettagli sulle modalità di avvelenamento sono emersi durante l'interrogatorio di garanzia

Insapore, senza odore ma letale. Per avvelenare e uccidere i nonni e i familiari Mattia Del Zotto, il 27enne finito in carcere con l'accusa di omicidio e tentato omicidio avrebbe utilizzato l'acqua minerale.

Il 27enne di Nova Milanese, arrestato venerdì dai carabinieri della compagnia di Desio, ha confessato di aver ucciso volontariamente - "perchè impuri" - i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidere anche altri quattro componenti della famiglia.

I dettagli relativi alle possibili modalità di avvelenamento dei familiari sono emersi durante l'interrogatorio di garanzia tenutosi davanti al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza ora si concentrano sulle bottiglie che si trovavano nella cantina comune della palazzina di Nova Milanese dove Mattia del Zotto viveva insieme a tutta la sua famiglia. Il veleno potrebbe essere stato inserito anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche. Nell'abitazione dei due anziani coniugi che per ultimi erano stati ricoverati in ospedale per sospetta intossicazione infatti i militari avevano rinvenuto tracce di solfato di tallio in alcune erbe per infuso. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccide la famiglia con il tallio, il veleno forse nell'acqua minerale

MonzaToday è in caricamento