Fuori dall'ospedale il marito di Patrizia, uccisa dal tallio: proseguono le indagini

Gli accertamenti ora tornano a concentrarsi in Brianza

Sarà dimesso tra pochi giorni Enrico Ronchi, il marito di Patrizia del Zotto, la donna di 62 anni morta a causa di un avvelenamento da tallio. Sarà il primo della famiglia uscire vivo da questa terribile vicenda. Oltre a Patrizia del Zotto sono morti anche Giovanni Battista del Zotto, 94 anni, e Maria Gioia Pittana, 87. Restano ancora ricoverati invece la sorella della vittima, Laura del Zotto, e la badante Serafina Pogliani.

Le due potrebbero essere trasferite presto a Pavia in una clinica specializzata in disintossicazione da sostanze tossiche. Intanto, le indagini proseguono serrate. Tutti i cibi campionati nella cucina della casa di Nova Milanese e di quella di Varmo (la casa vacanza in provincia di Udine dove la famiglia ha trascorso l’ultima vacanza) hanno dato esito negativo.

Una svolta nelle indagini però pare esserci stata: dopo aver cercato invano la causa dell'avvelenamento tra la casa e il fienile di Varmo, ora invece si cerca soprattutto in Brianza perchè l’avvelenamento sarebbe avvenuto a Nova Milanese, e non a Varmo. Ancora sconosciute le cause.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento