Avvelena e uccide la famiglia con il tallio, arrestato nipote: "Li ho uccisi perchè impuri"

Risolto il giallo del veleno killer di Nova Milanese. In manette Mattia Del Zotto, 27 anni

Il veleno

Lui e il computer. Esperto di informatica, Mattia Del Zotto, il giovane di 27 anni accusato di aver ucciso tre suoi parenti avvelenandoli con il tallio, viveva tutto il giorno davanti al suo pc. Sul web ha maturato la decisione di sterminare tutta la sua famiglia. Prima ha cercato di procurarsi dell'arsenico poi, proprio perchè l'impresa avrebbe messo a rischio il suo anonimato, ha optato per il solfato di tallio.

Così ha creato una casella di posta elettronica con un nome falso: Davide Galimberti. E poi – con grande esperienza – riuscendo a nascondere ogni traccia ha preso i contatti con una azienda di Padova e ha acquistato sei flaconcini di veleno. Secondo i magistrati del Tribunale di Monza e i carabinieri di Desio però non ci sono dubbi: è lui il killer che ha ucciso tre persone della sua famiglia, mandandone all’ospedale altri cinque.

Chiuso nel suo mondo, muto, indecifrabile. Freddo e senza emozioni. Fino a due anni fa era solo un ragioniere con un lavoro come un altro e una vita sociale molto ristretta. Poi, senza alcun apparente motivo, la totale chiusura a ogni contatto con il mondo esterno. Fino al giugno dell’anno scorso. Quando – per un motivo ancora indecifrabile – ha deciso di sfogare la sua frustrazione e le sue ossessioni contro i suoi familiari: "Li ho uccisi perché erano impuri" ha raccontato ai carabinieri di Desio che sono andati ad arrestarlo. Parole sconnesse che rivelano un forte turbamento emotivo e interiore. E che contrastano con la vita serena e felice della famiglia Del Zotto: un nucleo familiare descritto da tutti come i vicini di casa come ideale. Mai un problema, mai una discussione, una forte unione tra i parenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A far insospettire i carabinieri è stato il secondo caso di avvelenamento: quello del 13 novembre, che investe anche la famiglia Palma. Impossibile che il veleno sia nel cibo, se si trasmette da una casa all’altra. Iniziano indagini ancora più serrate. I carabinieri di Desio perquisiscono la cameretta della casa dove Mattia vive con la famiglia e il padre Domenico Del Zotto. Trovano uno scontrino: 248 euro spesi per acquistare sei flaconi di tallio. E poi, nelle bozze del suo account di posta elettronica falso, gli scambi con l’azienda di Padova dove ha acquistato il tallio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento