Apre un pacco e trova dentro una tarantola: mistero in un'azienda

L'animale, noto proprio per le sue dimensioni importanti e per il suo morso velenoso, è stato trovato da un dipendente di un centro di smistamento pacchi. Adesso si cerca il mittente

L'animale ritrovato nel pacco

Probabilmente tutto si aspettava di trovare nel pacco, ma non quello. Così, appena si è accorto di cosa aveva davanti, si è allontanato terrorizzato e ha chiesto aiuto al numero di emergenza ambientale.

Nei giorni scorsi, i militari del comando provinciale del corpo forestale dello Stato sono intervenuti in un centro di smistamento pacchi di Basiano, alle porte della Brianza, per “catturare” una tarantola gigante. L’animale, secondo quanto ricostruito dagli stessi forestali, è stato trovato in un pacco apparentemente destinato allo stesso magazzino. A fare la scoperta è stato un dipendente che ha aperto il plico e si è ritrovato faccia a faccia con l’animale, che viene descritto dagli uomini del corpo forestale come “un ragno di grosse dimensioni della famiglia delle tarantole”.

L’esemplare, secondo una prima classificazione, dovrebbe appartenere alla famiglia dei “theraphosidae”, genere “acanthoscurria”, specie proveniente dal bacino amazzonico a nord del Brasile nota per le sue dimensioni importanti e per l’aggressività con cui si difende in caso di attacco attraverso il lancio dei propri peli urticanti e morsi, comunque non letali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I primi accertamenti stanno conducendo i forestali all’ipotesi di una vendita tra appassionati di aracnofilia finita poi con la spedizione dell’esemplare attraverso una nota azienda di corrieri, ovviamente ignara del “particolare” contenuto del pacco. Oltre all’eventuale pericolosità dell’esemplare per l’uomo, i forestali vogliono far luce sul fenomeno in considerazione anche di altri casi analoghi segnalati in altre regioni d’Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento