Via i tavoli dal parco Grassi: critiche da cittadini e da SEL

"Una soluzione degna della 'patafisica' di Alfred Jarry". "Classica italianata, anzi brianzolata: muoia Sansone con tutti i filistei". Sono alcuni dei commenti alla decisione di rimuovere i tavoli dal parco di via Rota-Grassi.

Lo spazio lasciato vuoto dai tavoli: l'erba non è cresciuta (©Mag/Monza Today)

MONZA - "Una soluzione degna della 'patafisica' di Alfred Jarry". "Classica italianata, anzi brianzolata: muoia Sansone con tutti i filistei". "Perché ci devono andare di mezzo gli onesti che vorrebbero usare i tavolini per passare un buon e rilassante momento al parco?". "Più controlli: i vigili che fanno?".

Sono alcuni dei commenti lasciati dai  lettori sulla pagina Facebook  di Monza Today alla notizia che il Comune ha rimosso i tavoli dal parco di via Rota-Grassi per scoraggiare la presenza degli  ubriaconi. Parole non certo tenere:  ciò che balza all'occhio è che non ci sia neanche un parere positivo, un barlume che lasci intravedere le ragioni di una scelta così drastica e, forse, avventata. 

IL PREZZO DA PAGARE - Il fine giustifica i mezzi? Il prezzo da pagare per raggiungere l'obiettivo è stato privare anche le mamme  e i bimbi in visita al parchetto di utile supporto per i momenti di relax. E di creare qualche disappunto nella stessa maggioranza di centrosinistra.

"Rimuovere i tavoli dai giardini pubblici significa sottrarre un ulteriore luogo di convivialità ad una città in cui si avverte già l'assenza di spazi - si defila Alessandro Gerosa di Sel - E' una logica politica che non ci appartiene. Non si può negare il fenomeno (degli ubriachi, ndr): questa mossa, però, può solo nasconderlo. Il rischio - continua Gerosa - è  rendere impraticabili per tutti i monzesi gli spazi pubblici urbani".

Il problema in effetti esiste: cosa fare, allora? "Coinvolgere i cittadini in un progetto di riappropriazione degli spazi - propone il giovane consigliere vendoliano - Come del resto è stato fatto durante le "Pulizie di primavera" o nelle giornate di recupero dei giardinetti di via Buonarroti"

LA REPLICA DELL'AMMINISTRAZIONE -  "Onestamente non ci è venuta in mente un'altra soluzione per risolvere il problema - ha replicato l'assessore ai Lavori Pubblici Antonio Marrazzo - Rimuovendo i tavoli abbiamo rispettato la funzionalità del parco e messo in opera  un intervento che ha risolto il problema" conferma. Le proteste? "I cittadini che sono d'accordocon la scelta fatta sono silenziosi: commenta solo chi è contrario. Poi è chiaro che qualcuno si scontenta sempre. Ma sottolineo che il parco continua ad essere fruibile: se non lo fosse, seguendo questo ragionamento dovremmo installare tavoli in tutti i giardini pubblici".  Margini per un ripensamento? "Tutto è migliorabile..."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento