Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Regina Pacis / Via Carlo Rota

Via i tavoli dal Parco Rota-Grassi: ma con gli ubriaconi se ne vanno tutti

Se ne vanno barboni e ubriaconi, ma pure tutti gli altri. L'effetto di scoraggiare degrado e bivacchi nei giardinetti del sottopasso Rota Grassi il Comune lo sta ottenendo da qualche giorno, ma a prezzo di privare tutti dei tavoli.

MONZA – Se ne vanno barboni e ubriaconi, ma pure tutti gli altri. L’effetto di scoraggiare degrado e bivacchi nei giardinetti del sottopasso Rota Grassi il Comune lo sta ottenendo da qualche giorno, da quando ha fatto sparire i tre tavolini da pic-nic con panche dove spesso si incontravano gruppetti di persone attrezzati di bottiglie di ogni genere.

DUBBI: E' GIUSTO? - Ma lo stesso luogo d’incontro non c’è più neppure per chi lo usava civilmente. E’ prevalsa però nell’Amministrazione comunale la linea di voler far evitare gli usi impropri e fastidiosi creati da un fenomeno presente da anni in quei giardini a ridosso del centro. Inoltre, spiegano dal municipio si tratta di una scelta per salvaguardare una zona che, dopo la riqualificazione dell’intera area avvenuta nel 2008, è tornata ad essere frequentata di giorno anche da mamme e bambini.

SPOSTARE IL PROBLEMA  - Allora era stato fatto un intervento costato al Comune 530 mila euro che, oltre ad aver sistemato i circa 7.400 metri quadrati compresi tra il sottopasso, la ferrovia e il Lambro lungo via Visconti, ha attrezzato i giardini con nuove aree giochi, camminamenti nel verde con panchine e anche uno spazio di incontro con, appunto, i tavolini. Mettere arredi per migliorare l’area però non è servito a risolvere la questione delle persone moleste e ora, a quanto pare, si prova col rimuovere quegli stessi arredi. Ma già a molti sembra più che una soluzione, solo un modo che sposta il problema.

FOTOGALLERY: I GIARDINI DEL PARCO ROTA-GRASSI SENZA TAVOLI

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via i tavoli dal Parco Rota-Grassi: ma con gli ubriaconi se ne vanno tutti

MonzaToday è in caricamento