menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mezz'ora di tolleranza per chi esce dallo spettacolo della sera per non fare morire il teatro

La proposta arriva da Gennaro D'Avanzo, direttore artistico del teatro Villoresi di Monza. Per evitare gli annullamenti degli spettacoli serali chiede alle istituzioni un po' di collaborazione, dando mezz'ora di tempo alle persone per rientrare a casa

“Il teatro non può morire: ci sia una mezz’ora di tolleranza per permettere agli spettatori di rientrare a casa al termine dello spettacolo serale senza incappare nelle eventuali sanzioni previste dal coprifuoco”.

La richiesta arriva direttamente da Gennaro D’Avanzo, attore dal lungo e prestigioso curriculum e direttore artistico del teatro Villoresi di Monza, che quest’anno celebra il centenario di fondazione. Il mondo della cultura è stato messo in ginocchio dal lockdown e questa seconda chiusura dalle 23 alle 5 del mattino penalizza ulteriormente un settore che con difficoltà sta cercando di risollevarsi.

“Abbiamo appena iniziato la nuova stagione: la campagna abbonamenti è andata molto bene, e se non ci fossero state le limitazioni imposte dal distanziamento avremmo certamente riempito il teatro e non solo 150 poltrone”. Sabato 24 ottobre c’è in cartellone lo spettacolo “Il Fumantropo”: l’inizio è previsto alle 21.

“Mi sono subito attivato per garantire l’allestimento scenico, nel pieno rispetto delle nuove prescrizioni: si inizierà puntuali alle 21 e non verrà fatto l’intervallo. Lo spettacolo dovrebbe al massimo terminare intorno alle 22.45 permettendo così al pubblico, per la maggior parte monzese, di poter rientrare a casa in tempo”.

Annullare l’allestimento sarebbe stata un’ulteriore perdita, non solo economica. Ma Gennaro D’Avanzo chiede anche la collaborazione delle istituzioni e un minimo di tolleranza per permettere al teatro di continuare a vivere e agli spettatori di tornare a casa.
“Mi auguro che ci sia collaborazione e buon senso. Lo spettatore che poco dopo le 23 viene fermato in strada potrebbe mostrare il biglietto o l’abbonamento del teatro a dimostrazione che sta rientrando dallo spettacolo”.      

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento