Una teglia di lasagne come taglia contro l'abbandono di rifiuti

A Ceriano Laghetto il sindaco Dante Cattaneo ha promesso una succulenta teglia di lasagne sfornata da sua moglie ai cittadini che segnalino episodi di abbandono abusivo di rifiuto in città. E la prima teglia è stata consegnata insieme alla prima multa

Tutto era iniziato per scherzo, con uno sfogo su Facebook del sindaco di Ceriano Laghetto, Dante Cattaneo, di fronte al sistematico abbandono abusivo di rifiuti nei pressi di un cestino pubblico lungo la pista ciclabile che porta alla frazione Dal Pozzo. 

"Offro volentieri una teglia di lasagne preparate a casa Cattaneo a chi fornisce testimonianza diretta, prova decisiva o numero di targa di quell'ignorante che quasi quotidianamente nottetempo abbandona la monnezza di casa sua sotto il cestino sito in via Mazzini all'inizio della pista ciclabile" aveva scritto in un post che si è trasformato attraverso lo slogan "Una teglia per taglia" in una simpatica iniziativa di contrasto all'abandono di rifiuti in città. 

Il primo cittadino ha messo in palio un calda e gustosa teglia di lasagne preparate da sua moglie Marina a chiunque fornisse alle forze dell'ordine informazioni utili all'individuazione di chi abbandona abusivamente spazzatura in città.

La prima lasagna è stata sfornata e uno dei trasgressori sanzionato grazie alla collaborazione di un cittadino che ha risposto all'appello del sindaco.

La polizia locale ha multato uno degli autori ma, stando a quanto dichiarato dal primo cittadino, la battaglia per rendere Ceriano Laghetto una città più pulita non si fermerà qui e a casa Cattaneo c'è chi si prepara a sfornare altre teglie. 

"L'operazione 'Una teglia per taglia' partita come un mio sfogo su Facebook per un posto sempre preso di mira da abbandono improprio di rifiuti, si è rivelata invece un'idea vincente. La prima lasagna è pronta, scotta e oggi la consegnerò come promesso. E dopo il primo obiettivo raggiunto, mi dichiaro pronto a sfornare altre lasagne per una Ceriano sempre più pulita" ha dichiarato Dante Cattaneo. 

“L'iniziativa è servita per richiamare ancor di più l'attenzione di tutti i cittadini a farsi promotori del controllo del territorio e del rispetto delle regole, che naturalmente va a vantaggio dell'intera comunità” - ha spiegato il sindaco, già protagonista in cucina due estati fa, quando accettò inviti a cena dalle famiglie per confrontarsi sui problemi del paese, impegnandosi a fermarsi per lavare i piatti.

“E' chiaro che gli occhi attenti di cittadini responsabili svolgono un lavoro ben più efficace e prezioso di quello di qualsiasi occhio elettronico. E' importante che ciascuno riconosca su di sé una piccola parte di responsabilità nel rendere migliore il paese. Se l'idea della lasagna è piaciuta ed ha avuto questo effetto, ben venga. La prima teglia è stata sfornata e consegnata, se dovesse servire sono pronto a prepararne, con l'aiuto di mia moglie, altre”. ha concluso. 

rifiuti-6-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento