Indusse l'amica (con disagi mentali) a commettere reati e la spinse al suicidio

Arrestata una 39enne: secondo l'accusa (circonvenzione d'incapace) avrebbe indotto l'amica 43enne (affetta da disagio psichico) a commettere reati, fino a farle tentare il suicidio in via Archimede nel maggio del 2011

Una brutta storia di circonvenzione d'incapace

Nel maggio del 2011 una 43enne tentò di suicidarsi: stamattina la polizia di Monza ha arrestato una donna con l'accusa di circonvenzione di incapace.

Secondo le indagini, la 39enne arrestata, un'amica, avrebbe approfittato del disagio mentale della 43enne. E l'avrebbe indotta a commettere una serie di reati, a partire da qualche piccolo furto per arrivare ad affittare a cittadini stranieri l'appartamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono partite proprio dal tentativo di suicidio in via Archimede, a Monza. Il primo indizio: la 43enne quel giorno non era in casa da sola

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ponti tibetani della Lombardia dove portare i bambini

  • Verano Brianza, Sofia uccisa a 25 anni da ubriaco mentre attraversa la strada

  • Cesano Maderno, uomo investito mentre attraversa la strada: è gravissimo

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Incidente stradale a Verano Brianza, travolge e uccide ragazza di 25 anni

  • Coronavirus, spostamenti e vacanze: cosa si può fare (e cosa no) dal 3 giugno

Torna su
MonzaToday è in caricamento