Indusse l'amica (con disagi mentali) a commettere reati e la spinse al suicidio

Arrestata una 39enne: secondo l'accusa (circonvenzione d'incapace) avrebbe indotto l'amica 43enne (affetta da disagio psichico) a commettere reati, fino a farle tentare il suicidio in via Archimede nel maggio del 2011

Una brutta storia di circonvenzione d'incapace

Nel maggio del 2011 una 43enne tentò di suicidarsi: stamattina la polizia di Monza ha arrestato una donna con l'accusa di circonvenzione di incapace.

Secondo le indagini, la 39enne arrestata, un'amica, avrebbe approfittato del disagio mentale della 43enne. E l'avrebbe indotta a commettere una serie di reati, a partire da qualche piccolo furto per arrivare ad affittare a cittadini stranieri l'appartamento.

Le indagini sono partite proprio dal tentativo di suicidio in via Archimede, a Monza. Il primo indizio: la 43enne quel giorno non era in casa da sola

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

Torna su
MonzaToday è in caricamento