Aspirante suicida nell'Adda: 65enne salvato dai carabinieri

L'uomo aveva lasciato una lettera ai familiari in cui spiegava le motivazioni del gesto

TREZZO SULL'ADDA - Forse una situazione economica precaria. La rabbia, poi la disperazione, il pensiero di non farcela. E quella lettera, lasciata ai familiari. Lo hanno trovato sui bordi dell'Adda, gli occhi fissi sul fiume. I carabinieri hanno cercato di parlargli, per convincerlo a non commettere sciocchezze, dopo aver notato la sua vettura parcheggiata in  modo insolito. Una chiamata in caserma per verificare chi fosse l'intestatario, e il quadro è stato chiaro. E così il 65enne si è lasciato convincere a girarsi e a farsi accompagnare in ospedale a Vimercate dai comandanti delle stazioni di Trezzo e Vaprio D'Adda. Ora si trova al nosocomio brianzolo per accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ponti tibetani della Lombardia dove portare i bambini

  • Verano Brianza, Sofia uccisa a 25 anni da ubriaco mentre attraversa la strada

  • Cesano Maderno, uomo investito mentre attraversa la strada: è gravissimo

  • Giovani ragazze costrette a prostituirsi in un club privato a Varedo: sette arresti

  • Incidente stradale a Verano Brianza, travolge e uccide ragazza di 25 anni

  • Coronavirus, spostamenti e vacanze: cosa si può fare (e cosa no) dal 3 giugno

Torna su
MonzaToday è in caricamento