Sfonda il cranio della "rivale" con il tacco della scarpa, trans arrestata per tentato omicidio

I fatti a Monza. La sanguinosa aggressione era avvenuta lo scorso dicembre in via Stucchi

Foto di repertorio

L'hanno trovata riversa a terra, in un lago di sangue, con diverse ferite alla testa. Inizialmente si era ipotizzato un malore improvviso, forse una caduta sull'asfalto. Poi però le indagini dei carabinieri di Monza hanno fatto luce su quanto accaduto nella notte dello scorso 3 dicembre in viale Stucchi, una delle aree del capoluogo brianzolo che la notte si trasformano in un "fortino" della prostituzione. E una cittadina brasialiana, P.R.I., 42 anni, è stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio. In ospedale, a lottare tra la vita e la morte, era finita una transessuale brasiliana di 43 anni.

I soccorsi

Una telefonata al 118 aveva fatto accorrere sul posto i soccorsi del 118 e i carabinieri di Monza che avevano immediatamente avviato le indagini per capire che cosa fosse successo. Diverse però le versioni delle testimonianze raccolte: l'ipotesi di un malore, un litigio finito nel sangue, l'aggressione da parte di un cliente senza scrupoli o ancora un regolamento di conti. I militari monzesi però hanno cercato di scavare più a fondo, sulle dinamiche relative al controllo delle zone di prostituzione dell'area e proprio qui hanno trovato la "pista" che li ha condotti dritti al responsabile.

La sanguinosa aggressione

A incastrare la presunta responsabile, finita in manette per tentato omicidio e arrestata su esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare a Roma, dove nel frattempo si era trasferita, è stato un messaggio vocale acquisito dai militari grazie a una testimonianza. In un audio inviato a un amico, la 42enne aveva descritto dettagliatamente l'aggressione, spiegando anche le ragioni del gesto: il controllo delle aree della prostituzione. A confermare questa versione dei fatti infine è stata anche la testimonianza della vittima che, una volta fuori pericolo, ha parlato con i carabinieri.

Cranio sfondato con un tacco: arrestato trans

I carabinieri monzesi hanno individuato anche l'arma utilizzata per il tentato omicidio: un tacco di scarpa con cui la trans per ben due volte ha perforato il cranio della vittima. La 42enne è stata raggiunta e arrestata a Roma dove nel frattempo si era trasferita, spostando nella capitale i suoi affari.

Potrebbe interessarti

  • La scopa elettrica senza fili conviene per davvero?

  • Il colore di capelli più cool dell’estate? È l’Icy White

  • Casa piccola? Gli errori da non fare quando la si arreda

  • Mankai, il superfood che vuole sostituire la carne

I più letti della settimana

  • Malore mentre fa il bagno nell'Adda, 42enne muore dopo essere stato soccorso in acqua

  • Grosso incendio alla stazione di Monza: fumo in tutta la zona

  • Evade ma l'auto va in panne sotto il temporale, soccorso dai carabinieri e arrestato

  • Incidente in tangenziale Est a Carugate, auto finiscono fuori strada e una si ribalta: due feriti

  • Lite in piazza davanti a dieci persone, arrivano i carabinieri: arrestati due fratelli

  • Perde il controllo della moto in Valassina e cade sulla rampa a Monza: soccorso 73enne

Torna su
MonzaToday è in caricamento