Inaugurato il nuovo reparto di Terapia Intensiva Neonatale della Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma

Primo esempio in Italia di reparto di terapia intensiva con single family room

Attrezzature tecnologiche, family room per ospitare i genitori e il proprio piccolo e sistemi d'avanguardia per monitorare costantemente i bisogni degli ospiti.

Queste alcune delle novità della nuova Terapia Intensiva Neonatale della Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma, presentata ufficialmente giovedì pomeriggio e pronta per essere completamente operativa dalle prossime settimane.

Alla cerimonia del taglio del nastro eran presenti il Presidente della fondazione MBBM, Giuseppe De Leo, il Direttore della U.O. di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale, Paolo Tagliabue e il Presidente del Comitato Maria Letizia Verga, Giovanni Verga.

Per la prima volta in Italia proprio a Monza, nel nuovo reparto di Terapia Intensiva Neonatale, trovano spazio alcune single family room, camere uni-familiari, che riproducono un ambiente il più possibile simile a quello domestico, ma dotate di tutte le attrezzature tecnologiche necessarie all’assistenza con le postazioni tecniche di monitoraggio e somministrazione delle cure per i piccoli pazienti e uno spazio riservato alla mamma o al papà con letto e armadio.

Le 14 camere del reparto sono state progettate da un team di architetti in collaborazione e in ascolto sia del personale medico-sanitario della Fondazione MBBM, sia dei genitori stessi, per creare da subito uno stretto rapporto fra genitori e neonati, parte integrante e fondamentale della cura. Inoltre per migliorare e alleviare la permanenza dei genitori e di altri familiari in reparto, sono state realizzate aree relax e sono stati attivati progetti di formazione e intrattenimento.

Il nuovo reparto è dotato anche di tecnologie d'avanguardia perchè attraverso l’utilizzo di smartphone dedicati, di cui ogni infermiere è dotato, vengono inviati i segnali di monitor, respiratori e di qualsiasi altra strumentazione: in caso di mancata risposta dell’infermiere curante, in pochi secondi il segnale silenzioso (vibrazione) passa in automatico a un secondo infermiere e successivamente in caso di nessuna risposta un allarme sonoro viene inviato a tutto il personale medico. Questo flusso di informazioni dedicato riduce enormemente la cosiddetta “fatica da allarme”, riducendo il rumore acustico e favorendo la creazione di un ambiente più fruibile per pazienti e infermieri.

“L’apertura di questo reparto – ha dichiarato Paolo Tagliabue, direttore di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale – ci posiziona come una delle strutture più all’avanguardia a livello europeo. Un esempio unico per permettere ai genitori e al bambino stesso, non solo di affrontare con più serenità un momento difficile come la nascita prematura, ma anche di ridurre le infezioni e la permanenza in Ospedale, accorciando i tempi di ricovero”.

“Grazie all’impegno nostro, dei privati e alla collaborazione dell’Ospedale San Gerardo – ha dichiarato Giuseppe De Leo, Presidente della Fondazione MBBM – aggiungiamo un altro tassello fondamentale che rende la gestione del reparto di Terapia Intensiva della Fondazione un esempio unico in Italia. Insieme alle attività di Ricerca e Cura – ha infine concluso – svolte dal Comitato Maria Letizia Verga, dal Centro Tettamanti e dal reparto di Neonatologia, la Fondazione MBBM e l’ospedale San Gerardo sono un esempio straordinario ed evidente di come una effettiva collaborazione pubblico- privato porti eccellenza e qualità nelle cure mediche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento