rotate-mobile
Cronaca

Ticket non pagati per esami e visite mediche: come evitare la multa

La Regione Lombardia ha allo studio un "ravvedimento operoso"

La Regione Lombardia sta per mettere rimedio ai ticket sanitari non pagati. Lo riferisce il Corriere. Si tratta più o meno di 500 mila casi che, tecnicamente, dovrebbero essere sanzionati, ma gli uffici sono propensi a chiudere un occhio e applicare un ravvedimento operoso in considerazione del fatto che, per lo più, si tratta di errori commessi da pazienti anziani, che politicamente si preferisce tutelare piuttosto che punire.

Quando la misura sarà entrata in vigore, il cittadino dovrà mettersi in regola con il ticket entro fine 2019 pagando, in più, soltanto interessi e spese di notifica, ma non la multa. Gli errori sono dovuti soprattutto al fatto che il paziente riteneva di essere esentato dal ticket e invece non lo era. 

Il provvedimento riguarderà coloro che hanno ricevuto un verbale di accertamento dall'Ats, non chi ha già ricevuto un'ingiunzione o una cartella esattoriale: in questo caso la Regione non può più intervenire, ma soltanto dilatare i tempi, anche per loro, a fine 2019. Diverso il caso di chi non ha ricevuto nulla. La Regione e l'Ats non invieranno niente per tutto il 2019, il che significa che questi pazienti potrebbero "non accorgersi" di non essere in regola, dunque sarà bene che verifichino.

La giunta (in particolare gli assessori al bilancio Davide Caparini e al welfare Giulio Gallera) sono fermamente intenzionati ad avviare il provvedimento indipendentemente dal costo, non ancora quantificato, che comunque non dovrebbe essere altissimo. Tecnicamente il ravvedimento operoso sarà inserito in un provvedimento collegato al bilancio e verrà discusso in aula del consiglio regionale entro la fine del 2018.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ticket non pagati per esami e visite mediche: come evitare la multa

MonzaToday è in caricamento