Il monzese Torquato Testa con le acrobazie in sella sulla neve conquista la prima tappa del campionato del mondo di Freeride

Primo posto per il campione monzese nella competizione di venerdì sulla neve. Ora si lavora all'apertura del Pizza Bike Park

Torquato Testa dopo la competizione (Foto da Facebook)

Ha battuto tutti i venti riders sfidanti e, con le acrobazie in sella alla sua bicicletta su un tracciato innevato, in Austria, il monzese Torquato Testa si è aggiudicato il primo posto sul podio nella prima gara del Campionato del Mondo di Freeride (FMB World Tour).

Ventitré anni, monzese e già campione internazionale di Dirt Jump, Torquato Testa venerdì a Leogang ha vinto la prima tappa della più importante competizione della categoria. Insieme a lui a gareggiare era presente anche l'italiano Diego Caverzasi che si è aggiudicato il quinto posto.

"L'FMB World Tour è suddiviso in quattro categorie di eventi" spiega Torquato, sottolineando che le tappe della competizione si suddividono in tappe bronzo (a cui può partecipare chiunque), silver e gold (la candidatura va a discrezione degli organizzatori) e infine eventi diamond con accesso esclusivo su invito. La differenza tra le varie tappe della competizione risiede esclusivamente nell'entità del premio e nei punti che è possibile accumulare per scalare la classifica del campionato che non è una semplice sommatoria di punteggi.

"Il primo evento dell'anno è sempre il Whitestyle ed è un evento Silver: è solo su invito ( 20 riders) e si svolge appunto sulla neve". "Sono molto contento di questo risultato" ha commentato il monzese Torquato Testa. "La scorsa stagione mi ero infortunato proprio durante l'ultima gara e non ero quindi riuscito a chiudere nel migliore dei modi. È la mia quarta partecipazione al Whitestyle e finalmente sono riuscito a effettuare la run che mi ero preparato. Spero di essere consistente durante tutta questa stagione".

vid-3

Oltre alle soddisfazioni personali Torquato Testa continua a lavorare al progetto del Pizza Bike Park che è stato realizzato a Monza, in via Bucci, nel cuore del quartiere Cederna. Il progetto ha visto la luce un anno fa grazie all'iniziativa di nove ragazzi animati dalla passione per la bicicletta e le acrobazie in sella ed è nato grazie alla determinazione di Torquato e un bando del comune di Monza che ha concesso all'associazione ASD Emissioni Zero in comodato d'uso gratuito per dieci anni un vecchio campo da calcio in disuso.

Il sogno di Torquato è quello di portare a Monza una delle tappe del campionato mondiale di Dirt Jump. "Vogliamo fare del Bike Park un punto di riferimento sia per i ragazzi che vogliono conoscere e avvicinarsi a questo sport sia per i professionisti che ora a Monza avranno una struttura completa dove potersi allenare" aveva spiegato Torquato Testa alla vigilia della presentazione degli spazi. 

"A brevissimo il Monza Pizza Bikepark avrà finalmente una data di apertura certa, posso solo anticiparvi che potreste trovare una sorpresa subito dopo aver scartato l'uovo di Pasqua" ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento