Cronaca Stazione / viale alla Stazione

Trenord e i pendolari, uno strumento in più per risolvere le controversie

E' stato siglato venerdì il Protocollo d'intesa dedicato alla "conciliazione paritetica", una nuova procedura gratuita e accessibile a tutti per la soluzione extragiudiziale delle eventuali controversie con l'azienda

Trenord e consumatori insieme per estendere le tutele di chi si sposta con il treno in Lombardia.

E’ stato siglato oggi il Protocollo d’intesa dedicato alla «conciliazione paritetica», una nuova procedura gratuita e accessibile a tutti – abbonati e non – con tempi certi e rapidi, per la soluzione extragiudiziale delle eventuali controversie con l’azienda.

Potranno ricorrere alla procedura tutti i clienti Trenord che, a seguito di un reclamo scritto all’azienda, non abbiano ricevuto risposta entro i 30 giorni stabiliti dalle condizioni generali di trasporto o non l’abbiano ritenuta soddisfacente.

I clienti potranno accedere alla procedura singolarmente o tramite una delle associazioni firmatarie. Gli uffici di Trenord garantiscono tempi medi di risposta ai reclami di 3 giorni; al momento non ci sono casi di reclami rimasti senza risposta.

Accedere alla conciliazione è facile e gratuito. Occorre compilare e inviare un modulo che sarà scaricabile dai siti di Trenord e delle associazioni firmatarie. La domanda sarà esaminata e istruita entro 45 giorni dal ricevimento.

L’ufficio conciliazioni in seguito fisserà una data per la discussione della controversia e ne darà comunicazione alle parti almeno 10 giorni prima.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trenord e i pendolari, uno strumento in più per risolvere le controversie

MonzaToday è in caricamento