Triennale Design Museum a Monza

"La bellezza quotidiana. Un percorso nella Collezione Permanente del Design Italiano"

L'allestimento negli spazi del Belvedere della Villa Reale

"Tornare a Monza e collocare nella prestigiosa sede della Villa Reale la propria Collezione Permanente significa per il Triennale Design Museum non solo un ritorno alle origini, nella città dove la Triennale nacque oltre 90 anni fa, ma un rilancio e un nuovo progetto".

Con queste parole la dottoressa Silvana Annicchiarico ha salutato l'inaugurazione del Triennale Design Museum nel Belvedere della Reggia del Piermarini a Monza domenica mattina.

Leggi qui la cerimonia di inaugurazione. 

L'allestimento permanente nella Villa Reale, con un progetto dell'architetto di Michele del Lucchi, porta nel capoluogo brianzolo una selezione di oltre 200 pezzi iconici, simbolo del Deisgn Italiano. 

Oggetti d'arte che hanno scritto la storia del Design nel nostro Paese e che trovano la loro giusta collocazione nel Belvedere dove, grazie a un percorso cronologicamente ordinato, disposti su casse da imballo in legno naturale, instaurano un dialogo con l'architettura del luogo che li ospita.

Si va dagli anni cinquanta ad oggi, accostando, le une accanto alle altre, opere dei grandi maestri tra cui Gio Ponti, Piero Fornasetti, Franco Albini e Bruno Munari a realizzazioni di giovani designer, come Lorenzo Damiani e Martino Gamper.

Gli oggetti esposti appartengono tutti alla Collezione Permanente del Triennale Design Museum di Milano ma l'allestimento di Monza rappresenta qualcosa di diverso rispetto al tempio del Design milanese.

"Monza rappresenta una installazione permanente che raccoglie i capisaldi del Design Italiano, dove gli oggetti sono presentati in ordine cronologico dal dopoguerra ad oggi" ha spiegato la dottoressa Annicchiarico. A Milano invece il Triennale Design Museum, inaugurato nel 2007, offre al visitatore la possibilità di esplorare, senza alcun percorso storico cronologico, le eccellenze del Design Italiano secondo un inedito punto di vista, rinnovandosi e trasformandosi in continuazione per scrivere di volta in volta un nuovo capitolo della storia degli Oggetti d'arte.

I pezzi d'autore esposti a Monza sono ordinati per decadi: dal dopoguerra e gli anni della ricostruzione passando per il boom economico e gli anni del consumismo edonistico fino alle trasformazioni del tempo attuale che hanno coinvolto anche il Design tramite l'avvento della rivoluzione digitale. 

Sotto le travi a vista del Belvedere della Villa Reale trovano spazio pezzi d'arredo, luci, pezzi d'ufficio e oggetti per la casa, tutti simboli dei bisogni e delle esigenze delle epoche per cui sono stati progettati e realizzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

  • Incidente a Monza, scontro tra auto e ambulanza diretta al San Gerardo

Torna su
MonzaToday è in caricamento