"Maga" ruba quasi 450mila euro a una anziana: raggirata e truffata per sei anni

È successo ad Albiate, in provincia di Monza e Brianza. La truffa andava avanti da 6 anni

Una anziana di 72 anni è stata truffata da una donna macedone di 38 anni che in sei anni è riuscita a spillarle in sei anni 450mila euro. È successo ad Albiate, in Brianza. E per la truffatrice sono scattate le manette, arrestata dai carabinieri con le accuse di truffa e circonvenzione di incapace.

Benestante, sola e senza figli, la povera vedova era caduta vittima di una macedone di 38 anni. Soprannominata «la maga», la donna, residente in un campo nomadi a Carignano (Torino) e già nota alle forze dell’ordine, la 38enne ha derubato l’anziana costringendola a effettuare decine di versamenti in denaro e su carta Poste-pay, e perfino a vendere tre appartamenti, a ipotecare la sua villa e addirittura a farsi intestare un lascito testamentario. 

L’astuta donna era entrata nella vita della 72enne quasi per caso. Ben presto era riuscita a entrare in confidenza con la 72enne. Fingendo di esserle amica, e scoprendo che l’anziana era molto ricca e aveva una personalità piuttosto remissiva, aveva iniziato a chiederle soldi. All’inizio, piccole somme di denaro, con la scusa di sfamare i suoi cinque figli. Poi, “donazioni” sempre grandi, ottenute con l’inganno. A lungo ha sostenuto che una delle figlie aveva un tumore e servivano molti soldi per operarla. In questo modo, è riuscita a convincere la donna a effettuare decine di versamenti bancari e altrettanti su carta postepay.  Sempre più incapace di dire di no e non sapendo come fare a dare soddisfazione alle incessanti richieste di denaro, la vedova ha venduto tre appartamenti. 

E non ha esitato a chiedere aiuto a un suo amico, un pensionato di 76 anni, convincendolo a versare, pure lui, 150mila euro alla 38enne.  Solo quando la 72enne si è ritrovata sul lastrico, e in cattive condizioni di salute, si è confidata con il medico di famiglia, raccontandogli tutto. È stato lui a rivolgersi ai carabinieri di Seregno. In dieci giorni gli uomini del maggiore Emanuele Amorosi sono riusciti a ricostruire sei anni di truffe e a arrestare la macedone. I carabinieri sospettano che i soldi sottratti alla vedova possano essere molti di più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vacanza in Romagna vince 500.000 €: il proprietario del bar la riaccompagna in Brianza

  • Birra, film, concerti e gite nelle grotte: ecco che cosa fare nel weekend a Monza e Brianza

  • Incendio a Brugherio, fiamme devastano un camper: alta colonna di fumo nero

  • Omicidio in Brianza, strangola la moglie a letto e finge caduta: donna muore in ospedale

  • Bollettino coronavirus: un nuovo caso Monza e la Brianza, crescono i ricoveri

  • Pustole e bruciori alla pelle dopo il bagno al lago: come si cura la dermatite del bagnante

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento