menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"C'è l'amianto nell'acqua", finti addetti in azione a Vedano al Lambro

Diverse le segnalazioni di tentativi di raggiri. Brianzacque mette in guardia gli utenti a diffidare dai falsi addetti che si presentano nelle abitazioni per un furto

"C'è dell'amianto nell'acqua, dobbiamo fare un controllo". Questa la scusa con cui nei giorni scorsi si sono presentati alla porta di alcuni anziani residenti a Vedano al Lambro dei finti addetti del servizio idrico. A segnalare l'accaduto e a mettere in guardia i cittadini è stata la stessa azienda che gestisce il servizio. Brianzacque ha diffuso un avviso agli utenti per rinnovare l'invito a non aprire la porta della propria abitazione a chi si spaccia per addetto dell'acqua. 

"La società ricorda che non invia a domicilio personale nè  per controllare la qualità dell’acqua che peraltro è perfettamente potabile, controllata, sicura e non contiene amianto, né per riscuotere soldi in contanti, né tanto meno per accertarsi dello stato di preziosi o effetti personali. Ogni sei mesi, sono previste le visite dei letturisti, muniti di divisa (con la scritta BrianzAcque) e di tesserino di riconoscimento con tanto di foto. I letturisti sono autorizzati a chiedere l'ingresso in abitazione solo quando il contatore dell'acqua è situato all'interno della proprietà" si legge nella nota. 

In casi dubbi e sospetti, BrianzAcque consiglia vivamente di non aprire mai le porte di casa a sconosciuti, allertare Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia locale e telefonare al Call Center 800.005.191, eventualmente anche per chiedere informazioni sulla presenza e sull'attività degli operatori in servizio in una determinata zona. Esiste altresì la possibilità di comunicare i consumi con l'autolettura al Numero Verde: 800.661.330.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cinque cose insolite da vedere in Brianza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento