Cronaca

Finto carabiniere condannato per truffa dal Tribunale di Monza

Per il 35enne sorpreso in flagranza mentre intascava i soldi che aveva estorto con un raggiro a una 70enne brianzola erano scattate le manette lo scorso 26 novembre. Il Tribunale lo ha condannato a un anno e otto mesi di carcere

I carabinieri lo avevano arrestato in flagranza di reato per truffa, sorprendendolo mentre era entrato in azione a Nova Milanese dove era riuscito a raggirare una donna di 68 anni e farsi consegnare da lei 500 euro. 

Per l'uomo adesso il Tribunale di Monza ha disposto una condanna a un anno e otto mesi di reclusione. Per M.F., 36enne originario di Napoli, le manette erano scattate lo scorso 26 novembre quando i carabinieri di Sesto San Giovanni lo hanno localizzato in Brianza, dopo le numerose segnalazioni di molti cittadini che riferivano di aver ricevuto telefonate da sedicenti carabinieri.

Gli uomini dell’Arma - quelli veri - hanno immediatamente raggiunto l’area e hanno localizzato una Peugeot bianca sospetta su cui il truffatore tentava di allontanarsi, subito dopo aver ricevuto una busta con cinquecento euro in contanti da un'anziana vittima.

La donna ha raccontato ai carabinieri di aver ricevuto una telefonata dal malvivente, che, fingendosi prima avvocato e poi carabiniere, le ha raccontato che suo figlio era stato fermato dai carabinieri perché in auto senza assicurazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finto carabiniere condannato per truffa dal Tribunale di Monza

MonzaToday è in caricamento