Coppia di anziani truffati da finto tecnico dell'acqua a Villasanta

Il malvivente è fuggito via con diversi gioielli in oro e 500 euro in contanti

Lo stesso copione e, purtroppo, ancora una volta il medesimo triste epilogo con due anziani pensionati truffati e un malvivente in fuga con il bottino. Due anziani sono rimasti vittima di un raggiro nella loro abitazione a San Fiorano a Villasanta martedì mattina quando alla porta della loro villetta si è presentato un finto tecnico dell'acqua.

L'uomo si è qualificato come un addetto di una società idrica e ha spiegato alla coppia di dover effettuare dei rilievi per escludere il rischio di una possibile contaminazione dell'acqua corrente che avrebbe potuto causare l'ossidazione degli eventuali gioielli presenti in casa.

Il truffatore ha invitato gli anziani a riporre in un sacchetto monili, oggetti preziosi e contanti e ha iniziato a fare scenografici maneggi in casa. Quando i proprietari si sono distratti un attimo però è fuggito via, lasciandoli soli e portandosi con sè il sacchetto con il bottino.

L'episodio è stato denunciato ai carabinieri della stazione cittadina che ora indagano sull'episodio e sono sulle tracce del malvivente che è fuggito con 500 euro in contanti e diversi gioielli per qualche migliaio di euro.

Solo qualche giorno fa a Desio un'altra anziana vittima era stata raggirata e derubata da un malintenzionato che si era spacciato per un finto tecnico che non aveva avuto scrupoli a portare via i risparmi a una nonnina di 91 anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento