"Sua figlia ha ucciso una persona, servono soldi per liberarla": arrestato truffatore

Il truffatore, 30 anni, originario dell'Est Europa, è stato sorpreso nei pressi di un bar del centro di Brugherio dopo aver appena ritirato la refurtiva dalle mani della donna ed è stato arrestato

La refurtiva consegnata al truffatore dalla vittima

La chiamata inaspettata e la paura di fronte all'annuncio - fasullo - che la figlia era stata arrestata perchè aveva causato un incidente stradale mortale. Dall'altro capo del telefono un uomo che si spacciava per un carabiniere ha convinto una pensionata di Brugherio che per rilasciare la donna era necessario il pagamento di una somma ingente di denaro. E per rendere ancora più realistica la recita ha passato il telefono a una complice che in lacrime si è finta proprio la figlia della donna, chiedendo aiuto.

Un copione purtroppo già abusato che però, complice la paura, ha sempre più spesso un triste finale. Questa volta però il truffatore non è riuscito ad allontanarsi con il bottino ma è finito in manette, arrestato dai carabinieri della stazione di Brugherio.

La telefonata e il finto notaio

Il sedicente carabiniere ha informato al telefono la donna che di lì a poco da casa sua sarebbe passato un notaio, incaricato di ritirare i gioielli necessari al pagamento. E poco dopo alla porta della signora effettivamente è arrivato un uomo. A lui la vittima ha consegnato gioielli, monili e anche un Rolex per un totale di circa 50mila euro di bottino. 

L'uomo con 50mila euro di gioielli nel bar e l'arresto

Quando la signora si è resa conto di essere rimasta vittima di una truffa ha allertato i carabinieri che sono intervenuti immediatamente per un sopralluogo. Proprio mentre i militari stavano effettuando i primi accertamenti e raccoglievano la descrizione del truffatore, l'uomo è stato notato nei pressi di un vicino bar mentre con una busta di plastica in mano si muoveva con fare sospetto. E' stata la segnalazione di un cittadino in piazza Giovanni XXIII a permettere ai carabinieri di intervenire e arrestare in flagranza il malvivente la cui descrizione combaciava con quella tratteggiata dalla vittima. Quando si è accorto di essere stato sorpreso dagli uomini dell'Arma, il 30enne - K.M., originario dell'Est - è entrato nel bar cercando di rifugiarsi nel bagno e di nascondere il bottino: cinquantamila euro tra oroglogi, collane, anelli e monili di famiglia. L'intera refurtiva è stata restituita alla vittima mentre in mano all'uomo sono rimaste solo le manette. 

Truffe, i consigli dei carabinieri

Troppe ancora le truffe consumate ai danni di persone anziani anche sul territorio di Monza e Brianza. I carabinieri del Comando Provinciale di Monza Brianza tornano ad avvertire i cittadini, invitando a diffidare da telefonate sospette e a contattare immediatamente le forze dell’Ordine al N.U.E. 112, comunicando l’accaduto. Proprio perché vengono utilizzate dai truffatori molteplici tecniche, un utile consiglio è quello di non credere mai a chi, a qualunque titolo, richieda per telefono denaro per risolvere i problemi di un proprio congiunto. Ecco alcuni consigli:

1. non aprire mai la porta a sconosciuti o sedicenti funzionari pubblici;

2. non rispondere ad email o telefonate che richiedono dati sensibili, password (codici) o dati bancari;

3. non fare confidenze al telefono a persone sconosciute;

4. non cedere mai denaro a chi si spaccia carabiniere/poliziotto. Loro non lo richiedono MAI; 

5. limitare al minimo l’uso di contanti;

6. non aprire la porta agli sconosciuti, specialmente se si è soli in casa: meglio ricorrere all’assistenza di un familiare, se possibile, e non far aprire la porta di ai bambini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, e in ogni caso, non esitare mai a contattare il 112, Numero Unico di Emergenza, operativo tutti i giorni H24.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Tumore al pancreas in stadio avanzato: operazione "unica" all'ospedale di Vimercate per una donna

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Il maltempo fa paura a Monza: prevista acqua a secchiate e grandine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento