Sull'altare dopo la messa: i carabinieri insegnano agli anziani a difendersi dalle truffe

Si tratta di un progetto pilota lanciato dai carabinieri della compagnia di Desio

Immagine repertorio

Una truffa agli anziani ogni due giorni. Falsi tecnici dell’Enel, finti addetti all’acqua potabile, pseudo avvocati, millantati medici. Sono oltre 150 i pensionati raggirati ogni anno nel territorio presidiato dalla compagnia di Desio. Troppi, secondo il comandante Mansueto Cosentino, che ha deciso di chiedere la collaborazione dei 13 parroci dei comuni.

Al termine della messa, dopo il parroco, salirà all’ambone il maresciallo, e terrà una breve lezione sulla sicurezza. Avvisi bonari, inviti alla prudenza, informazione concreta. E’ essenziale evitare di aprire la porta, se non conosciamo chi c’è dall’altra parte. Nel dubbio, una buona soluzione è chiamare i carabinieri.

In collaborazione con i Rotary, i militari stanno anche realizzando un pieghevole da portare in ognuna delle case dei circa 10mila anziani ultrasessantacinquenni (solo a Desio). Un progetto ambizioso, per realizzare il quale verrà richiesta anche la collaborazione di giovani volontari degli oratori.

Il primo a tenere lezioni sulla sicurezza in chiesa è stato il luogotenente Sebastiano Ciancimino, comandante della Tenenza dei carabinieri di Cesano Maderno, nel marzo scorso. Un progetto pilota diffuso in tutta la compagnia di Desio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento