Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Fingono che la figlia sia stata arrestata e chiedono soldi: truffatori tornano in azione

Il raggiro. Indagano i carabinieri

Prima non hanno esitato a chiedere 6000 euro a una donna di 83 anni di Paderno Dugnano, facendole credere che i suoi figli erano stati arrestati per un incidente stradale e terrorizzandola. Poche ore dopo hanno spaventato a morte una donna quasi novantenne a Desio, inventandosi che la figlia era stata arrestata per un falso certificato assicurativo e chiedendole anche questa volta cifre che sfioravano i 6500 euro.

Al telefono, ogni volta parla la voce di un uomo che si qualifica come un avvocato. Con toni molto credibili, ma anche perentori e insistenti, truffa gli anziani chiedendo somme ingenti di denaro. Tornano a colpire i malintenzionati in Brianza. E ancora una volta, nonostante le menzogne inverosimili, c’è chi purtroppo, forse per paura, ci casca.

E’ il caso della pensionata di Desio. Spaventata, ha consegnato a un «emissario» dell’avvocato 400 euro in contanti e alcuni gioielli, come acconto, in cambio della scarcerazione della figlia. Una crudeltà: non era vero niente, e troppo tardi la figlia ha raggiunto la mamma, rassicurandola. A Paderno Dugnano invece la truffa è fallita. La vittima 83enne ha chiesto consiglio a una vicina più giovane, che le suggerito di chiamare i carabinieri. I truffatori sono spariti a mani vuote, ma non sono ancora stati fermati. Indagini in corso da parte dei carabinieri di Desio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fingono che la figlia sia stata arrestata e chiedono soldi: truffatori tornano in azione

MonzaToday è in caricamento