Uccide la compagna poi nasconde il cadavere nei boschi della Brianza: "Sono stato io"

La confessione davanti agli agenti della polizia locale che lo hanno fermato casualmente per un controllo a Milano. Infine la macabra scoperta

Immagine di repertorio

"Sono stato io". Queste le parole-confessione che un uomo di quarantacinque anni, cittadino marocchino, ha detto mercoledì pomeriggio quando in auto è stato fermato a Milano dagli agenti della polizia locale. Che cosa avesse fatto lo avrebbero scoperto poco dopo quando il quarantacinquenne ha confessato di aver ucciso la compagna dopo un litigio e di aver nascosto il corpo in un sacco a pelo, buttandolo in mezzo a un bosco. 

Dal racconto al luogo dell'orrore

Tutto è iniziato quando gli agenti del nucleo antidroga hanno fermato per un normale controllo in piazzale Lugano l'uomo. Lui, forse sentendosi alle strette o sotto il rimorso di coscienza, ha subito confessato. 

Davanti ai vigili ha spiegato di aver litigato con la donna, di averla uccisa e di aver sistemato il corpo in un sacco a pelo buttato in un bosco di tra Cadorago e Lomazzo, dove presumibilmente viveva la coppia. Lui stesso ha condotto gli agenti lì e ha fatto ritrovare il cadavere della compagna. 

Il fermo e le indagini

Il killer è stato portato nella caserma dei carabinieri di Cantù e al momento è in stato di fermo. Le indagini proseguono per accertare il momento esatto dell'omicidio e per verificare se - come sembra - la vittima sia stata strangolata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento