Follia dopo Inter-Torino di Primavera: assalto al pulmino con sassi e bastoni, quattro tifosi feriti

L'assalto dopo la finale di Supercoppa Primavera a Sesto San Giovanni. L'accaduto

Immagine repertorio

Vetri del bus distrutti. Quattro feriti. E un ragazzo fermato e interrogato per tutta la notte. Ecco il bilancio del folle mercoledì sera di Sesto San Giovanni, teatro di un agguato ai tifosi del Torino avvenuto dopo la finale di Supercoppa Primavera che si è giocata allo Stadio Breda tra i granata e l'Inter. 

Alle 22.05, a fine gara - vinta dal Toro ai rigori -, venti persone incappucciate e armate con sassi e bastoni hanno assaltato il bus dei tifosi ospiti, pronto a ripartire verso il Piemonte. Gli ultras, sembra riconducibili alla tifoseria del Milan, hanno mandato in frantumi il lunotto del pulmino provocando danni anche ai vetri laterali prima di essere fermati dall'intervento delle forze dell'ordine.

Quattro tifosi granata sono rimasti feriti in modo lieve e sono stati medicati in ospedale. Uno dei tifosi milanisti sarebbe invece stato fermato dalla polizia. Secondo quanto trapelato sembra che i tifosi organizzati volessero rubare una bandiera.

Soltanto lo scorso 26 dicembre un agguato molto simile era avvenuto prima di Inter-Napoli, in programma a San Siro. Quella sera, dopo che cento ultras interisti - con i gemellati di Varese e Nizza - avevano fermato la carovana di minivan dei tifosi partenopei e ne era nata una violentissima guerriglia. Proprio negli scontri aveva perso la vita Dede Belardinelli, ultrà varesotto, che era stato investito da due auto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento