Giallo dell'ospedale: l'uomo morto al Policlinico sarebbe un cittadino indiano

Dal confronto dattiloscopico effettuato dalla Polizia di Stato è emerso che si tratta di un cittadino di origine indiana di 34 anni fotosegnalato due volte. Nessun documento però gli è stato trovato addosso

A chiarire le cause della morte dell'uomo arrivato in stato confusionale al Policlinico di Monza sabato mattina sarà soltanto l'autopsia ma su chi sia il paziente accompagnato nella struttura sanitaria da qualcuno che poi si è allontanato comincia a emergere qualche dettaglio.

Grazie al prelievo delle impronte digitali, la Polizia di Stato del commissariato di Monza ha effettuato un confronto dattiloscopico che ha condotto a un cittadino indiano dell'82 fotosegnalato due volte negli anni scorsi a Reggio Calabria e a Genova. Addosso a lui invece non sono stati rinvenuti documenti che avrebbero potuto consentirne l'identificazione. Gli inquirenti hanno avvisato il Consolato Indiano nella speranza che da qui possa arrivare qualche conferma sull'identità dell'uomo.

Il ragazzo era stato accompagnato al Policlinico del capoluogo brianzolo all'alba di sabato da un altro uomo che dopo averlo lasciato in consegna agli infermieri si è allontanato. Il corpo del 34enne non presentava segni di percosse, ferite o tagli e da un primo esame tossicologico effettuato quando ancora il paziente era in vita non sarebbe emersa la presenza di sostanze stupefacenti nel corpo. L'unico dettaglio anomalo evidenziato dai rilievi clinici è stata la presenza del fegato eccessivamente ingrossato, indice di un possibile abuso di alcol nel tempo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento, in attesa del riscontro dell'autopsia, non è esclusa l'ipotesi di una morte naturale. Da quanto rendono noto dal commissariato di Polizia di Stato di Monza, il cittadino non era in possesso di un permesso di soggiorno così come poteva esserne sprovvisto anche il suo accompagnatore che, proprio per questo motivo dopo aver portato il ragazzo in ospedale e averlo lasciato in consegna ai medici, avrebbe deciso di allontanarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Pizza e cocaina nel locale, tre arresti dei carabinieri a Giussano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento