menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rompono il vetro di una falegnameria: artigiano insegue i baby vandali e li ferma

L'episodio a Desio

Si è gettato all’inseguimento dei baby vandali che avevano distrutto con un pugno una vetrata del suo laboratorio. E dopo una corsa di alcune decine di metri li ha presi, li ha immobilizzati e li ha consegnati agli agenti della polizia locale. Sono stati segnalati al Tribunale dei Minori i tre ragazzini «terribili» - con un’età tra i dodici e i tredici anni – che martedì all’uscita dalla scuola hanno distrutto la vetrata di una falegnameria di via Partigiani d’Italia, a Desio.

Non era la prima volta che l’artigiano, 52 anni, subiva i «regali» di teppisti che lasciavano solo la firma e riuscivano ogni volta a sparire nel nulla. Questa volta, il professionista ha sentito il rumore dei vetri infranti che si mescolava al crepitio della macchina fresatrice. E’ stato un gesto d’impeto: l’uomo ha smesso di lavorare e si è gettato all’inseguimento. Uno scatto fulmineo che ha preso di sorpresa i ragazzini.

Spaventati, e appesantiti dalle cartelle zeppe di libri, sono stati raggiunti e «catturati» dall’artigiano. Non facile è stato il momento di confronto con i genitori. Verdi di rabbia, papà e mamma hanno saldato il conto all’artigiano, rimandando la «resa dei conti» con i propri figli tra le pareti di casa. Un problema grosso quello dei baby teppisti a Desio. Nel periodo delle feste, è stata distrutta la sala civica Carlo Levi. Poi numerose auto sono state danneggiate in via Nenni.

E non si contano gli atti vandalici alla capanna della bocciofila al Parco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento