Ubriachi e vandali, cinque studenti denunciati dalla Polizia di Stato

Gli agenti del commissariato di Monza li hanno rintracciati poco dopo che avevano devastato le fioriere di via Vittorio Emanuele in centro così ubriachi da non ricordarsi nemmeno di averlo fatto

Qualcuno stava seduto, così ubriaco da non riuscire nemmeno a reggersi in piedi. Una ragazzina guardava e qualcun altro riprendeva tutta la scena con il telefonino, orgoglioso di immortalare gli amici che devastano le fioriere del centro prendendole a calci. Quasi fosse un'impresa epica. 

E' questa la scena che mostrano le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza installate nel centro del capoluogo brianzolo lungo via Vittorio Emanuele a ridosso degli uffici distaccati del Tribunale. Nella notte del 10 gennaio cinque ragazzi appena maggiorenni, tutti italiani, tutti residenti in provincia di Monza e Brianza, hanno preso d'assalto le fioriere presenti lungo la via e le hanno devastate, senza ricordarsi poi di averlo fatto. A rinfrescare la memoria ai giovani però sono state proprio le immagini del video che ha consentito alla Polizia di Stato di identificare gli autori del danneggiamento e di denunciarli.

GUARDA IL VIDEO.

Al commissariato di Polizia di Stato la notte tra sabato 9 e domenica 10 gennaio 2016 è arrivata una segnalazione da parte di un taxista che aveva notato dei ragazzi devastare i vasi e lasciare le fioriere in mezzo alla strada, così da rendere difficoltoso anche il passaggio dei veicoli. Poco dopo sul posto è arrivata una volante del commissariato che ha constatato il danneggiamento e ha provato a mettersi sulle tracce dei responsabili. Poco distanti da lì gli agenti hanno trovato un gruppo di ragazzi che sono stati ascoltati e identificati dei poliziotti: i cinque negavano il gesto perchè, a causa dell'alto quantitativo di alcol assunto, non ricordavano nemmeno di averlo commesso. Gli uomini del commissariato sono riusciti a identificare il gruppetto che nei fine settimana era solito ritrovarsi in centro a partire dal pomeriggio e bere molto fino a dare sfogo a episodi di violenza e vandalismo. Questa volta però la cattiva educazione si è trasformata in qualcosa di più e l'assenza di rispetto per i beni pubblici è sfociata in reato. Oltre alla vergogna per quanto commesso i cinque poi hanno dovuto fare i conti con la reazione delle proprie famigli, alcune delle quali sorprese e indignate per l'accaduto.

Purtroppo però, nonostante il lavoro dei poliziotti per rintracciare e identificare gli autori del gesto, non si tratta dell'unica devastazione avvenuta nelle scorse settimane nel centro storico  della città dove è stato vandalizzato anche lo spazio esterno di uno dei bar presenti in piazza Trento e Trieste. Qui alcuni ragazzi (si esclude possano essere gli stessi) hanno lasciato vetri rotti, rifiuti e hanno devastato tavoli e sedie. Le stesse fioriere di via Vittorio Emanuele poi erano già state oggetto l'anno scorso di simili episodi di vandalismo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento