Sale sul campanile e minaccia di buttarsi. "Non ho un lavoro"

Separato, non ce la fa a pagare gli alimenti. Un uomo di cinquant'anni ha perso la testa martedì pomeriggio a Varedo. Approfittando delle impalcature che avvolgono la chiesa, si è arrampicato in cima chiedendo aiuto

Il campanile della Chiesa di via San Giuseppe a Varedo

VAREDO – Dopo aver perso il lavoro e subito dopo la casa, ha perso anche la testa. Momento di follia, martedì pomeriggio, per un disoccupato di 50 anni, residente a Limbiate dopo aver vissuto per anni in una casa comunale a Varedo. Poco prima delle 15 l’uomo è salito in cima al campanile della chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo di via San Giuseppe, a Varedo, e ha minacciato di gettarsi nel vuoto, da un’altezza di circa 30 metri. Le sue urla hanno subito attratto l’attenzione di una folta folla di curiosi, tutti con il naso all’insù, a condividere il dramma di un uomo solo e senza vie d’uscita.

DISPERATO - Separato e con due figli a carico, il 50enne non sapeva più come fare per pagare gli alimenti alla moglie e per mantenere i suoi figli. Così, si è presentato in Comune, chiedendo una casa e un lavoro. Di fronte a un rifiuto il disoccupato è andato su tutte furie e ha danneggiato alcuni arredi comunali. Qualche ora dopo ha fatto irruzione al comando della Polizia locale, minacciando che sarebbe salito sul campanile e si sarebbe gettato nel vuoto.

SUL CAMPANILE  - Un agente lo ha inseguito, cercando di dissuaderlo. Tutto inutile. Approfittando delle impalcature che avvolgono il campanile in ristrutturazione, l’uomo si è arrampicato davvero. Con ampie falcate e tanta rabbia in corpo, è stato un attimo raggiungere la cima e trovarsi di fronte alle centenarie campane della parrocchiale.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TRATTATIVE - Subito dopo ha urlato la sua rabbia, minacciando di togliersi la vita se qualcuno non lo avesse aiutato. Sul posto sono arrivati gli agenti della Polizia locale e due automezzi dei Vigili del fuoco. A gestire la delicata trattativa ci hanno pensato il sindaco, Diego Marzorati e il capitano dei carabinieri di Desio, Cataldo Pantaleo. Promettendogli che lo avrebbero aiutato, lo hanno convinto a scendere. Giunto a terra, l’uomo si è scusato per il suo gesto e ha ringraziato i carabinieri e il sindaco.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento