Lunedì, 15 Luglio 2024
La segnalazione / San Gerardo / Via della Birona

La palazzina invasa dai topi: "Non ne possiamo più, entrano dalla strada"

La denuncia di una monzese che vive con la paura di trovarsi i topi in casa: "Ogni giorno mettiamo esche, ma il problema prosegue"

Non solo via Volta. A Monza anche via Della Birona è invasa dai topi. La segnalazione è arrivata alla redazione di MonzaToday da una lettrice.  Il problema, secondo quanto riferisce la donna che vive in una delle palazzine nella via del quartiere Cazzaniga, non sarebbe nuovo e la stessa avrebbe già avvisato gli enti competenti. Senza, però, ad oggi essere riuscita a trovare una soluzione. Un problema che non riguarda solo il condominio della nostra lettrice, ma tutta la via. 

“Ho chiamato personalmente più volte gli uffici comunali di Monza, l’Ats, e l’Ufficio Ecologia - spiega -. Mi hanno risposto di fare presente il problema, ma non sono mai stata ricontattata da un referente. Anche l’amministratore del nostro condominio ha sollecitato  chi di dovere, ma senza ricevere risposta”. L’unica certezza, secondo quanto riferisce la donna, è che i topi non se ne sono andati e a loro non resta che continuare a mettere esche. Il problema arriverebbe dalla strada, dove i ratti scorrazzano per poi entrare nella palazzina. 

“Continuiamo a posizionare trappole con le esche avvelenate - continua -. Abito a piano terra e solo nel mio giardino ci sono 9 erogatori. Vedo ratti di continuo, non posso nemmeno più lasciare le porte finestre aperte se non sono nella stanza, per paura che entrino in casa”. E oltre ai topi vivi, la monzese si ritrova nel giardino anche quelli morti.  “Li trovo sotto la pergola ogni due giorni - spiega la donna che è esasperata da questo problema al quale non riesce a trovare soluzione -. Ho anche un cane di piccola taglia piccola, che rischia a sua volta di finire avvelenato da topi che ogni due per tre trova morti avvelenati in giro. Non lo lascio neppure da solo in giardino. I ratti entrano dalla  recinzione che dà sulla strada; in una giornata si sono mangiati ben 10 esche da un solo punto. È diventato un incubo, la situazione è diventata insostenibile. Viviamo con la paura: il comune dovrebbe garantire ai suoi cittadini le basilari norme igieniche e di contenimento delle colonie di ratti, non può scaricare il problema sui privati". 

“Sarebbe l’ideale - conclude - che oltre ad una massiva derattizzazione, gli addetti del comune posizionassero delle grate alle caditoie dei marciapiedi e ai tombini per evitarne il passaggio e la fuoriuscita dalle fogne. Siamo abbandonati a noi stessi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La palazzina invasa dai topi: "Non ne possiamo più, entrano dalla strada"
MonzaToday è in caricamento