Scendono in strada con pistole giocattolo per girare un video: denunciati

Per i quattro, tutti giovani tra i 22 e i 24 anni, l'accusa è di procurato allarme

Le armi giocattolo sequestrate

Hanno impugnato due pistole e, bandana sul viso per non farsi riconoscere, sono scesi in strada aggirandosi tra le auto. Poco lontano dagli "attori" c'erano due amici che, con una telecamera professionale, riprendevano tutta la scena che sarebbe poi dovuta finire sui social network.

Le riprese però hanno avuto un finale a sorpresa quando sul "set" improvvisato di via Don Bosco a Cinisello Balsamo sono arrivati i carabinieri. I militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Sesto San Giovanni sono intervenuti in seguito alla segnalazione di un cittadino che aveva riferito alle forze dell'ordine la presenza di due persone con il volto coperto che si aggiravano tra le auto in sosta con le pistole in pugno.

I carabinieri hanno intimato ai giovani di deporre le armi e, una volta create le condizioni di sicurezza, li hanno raggiunti e perquisiti. Le pistole, giocattoli dotati di tappo rosso, erano nel momento dell’intervento poco visibili e la bravata si è conclusa senza incidenti solo grazie all'intervento dei militari. Per i quattro, tutti giovani tra i 22 e i 24 anni, è scattata una denuncia per procurato allarme. Uno dei ragazzi inoltre è stato trovato in possesso di una dose di cocaina ed è stato segnalato al Prefetto quale assuntore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • Ospedale di Vimercate "al collasso", NurSind: "Di notte solo 2 infermieri per 53 malati"

  • Dramma ad Agrate Brianza, trovato senza vita in un campo un uomo di 34 anni

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Passa con il rosso e si scontra con un'auto poi la Seat finisce contro muro e prende fuoco

Torna su
MonzaToday è in caricamento