Il fatto

Studentesse italiane insultano e scimmiottano una famiglia: il video è virale

Una giovane americana di origini pachistane ha postato un video mentre un gruppetto di studentesse italiane scimmiotta i suoi gesti e la sua lingua

La denuncia di razzismo di una ragazza americana di origini pachistane è diventata virale nelle scorse ore. Il video su TikTok postato dalla giovane turista, Mahnoor Euceph, ha superato i 5mila commenti e ha raggiunto svariati milioni di visualizzazioni. Secondo quanto raccontato, la giovane si trovava, lo scorso 16 aprile, su un treno dal lago di Como verso Milano, durante un viaggio. Era in compagnia del suo fidanzato di origini cinesi, la madre di lui e il padre. 

Davanti a loro sedeva un gruppetto di ragazzine italiane. Le giovani, parlando in italiano per non farsi comprendere, hanno iniziato a prenderli in giro, scimmiottandoli e ripetendo a voce alta "Ni Hao" ("ciao" in cinese, ndr). La turista ha dapprima fatto finta di niente, poi ha chiesto se c'era qualcosa che non andasse. Tra risolini e altre frasi offensive, le ragazzine hanno negato la presa in giro, ma continuando a parlottare. Mahnoor ha allora iniziato a filmarle e ha postato le immagini su TikTok. Le giovani hanno abbassato la voce, continuando nella farsa. 

"Spero abbiate imparato la lezione"

Il video è diventato virale. La ragazza americana ha poi reso pubbliche le scuse di una ragazza che faceva parte del gruppetto. Nel messaggio si faceva riferimento a un fraintendimento - "Non era nostra intenzione offendere, non vi stavamo prendendo in giro" - e ci si scusava per l'impressione sbagliata. Mahnoor, tuttavia, ha sottolineato in un altro video come fosse chiaro a tutti, anche non conoscendo l'italiano, che fossero prese in giro razziste e triviali. "Ero veramente disgustata dal loro comportamento e spero abbiano imparato una lezione da questo. Avete rovinato la reputazione del vostro Paese, oltre al nostro viaggio. Voi siete state veramente razziste e dovete fare molto lavoro su voi stesse. Spero che questo episodio vi serva per capire come agire in futuro", ha detto.

Le scuse della Iulm

La Iulm, università frequentata da una delle studentesse protagoniste del video, è intervenuta sulla questione porgendo le sue scuse. "L'università IULM è da sempre promotrice dei valori del rispetto, dell'inclusività e dell'integrazione tra culture diverse e condanna nel modo più forte possibile, ogni forma di razzismo e discriminazione", si legge in una nota.

La studentessa non verrà espulsa dall'ateneo. "La nostra studentessa coinvolta nel video diventato virale si è spontaneamente e pubblicamente scusata per il gesto fatto, assumendo la piena responsabilità delle sue azioni - ha proseguito la nota -. A coloro che hanno chiesto la sua espulsione dall'università, Iulm risponde che, così come la nostra università condanna ogni forma di razzismo, non possiamo tollerare tale furia, che nasconde in sé l'altrettanto grave germe del totalitarismo. Iulm lascia sempre aperta la porta del dialogo e della comunicazione, perché l'obiettivo ultimo di un'università non è punire, ma educare i propri studenti, accompagnandoli in un percorso di crescita personale affinché diventino donne e uomini migliori ogni giorno"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentesse italiane insultano e scimmiottano una famiglia: il video è virale
MonzaToday è in caricamento