Cronaca

Il Paese ritrovato, a Monza inaugura il primo villaggio per malati di Alzheimer

Taglio del nastro sabato mattina. La cittadella che ospiterà oltre sessanta residenti è in via Casati (angolo viale Elvezia)

Il Paese ritrovato

Stradine, piazze, giardinetti e negozi. Un piccolo minimarket dove fare acquisti e scambiare qualche chiacchiera alla cassa, un bar, un parrucchiere, una chiesa e tanto verde per colorare la cittadella e riempire il cuore di chi presto abiterà questi spazi.

A Monza è tutto pronto per il taglio del nastro de Il Paese Ritovato, il primo villaggio per persone affette da Alzheimer e demenza senile. Il progetto, sostenuto e realizzato dalla Cooperativa La Meridiana, è finalmente diventato realtà e sabato mattina è in programma l'inaugurazione. 

“In poco meno di un anno e due mesi abbiamo costruito Il Paese Ritrovato – ha fatto sapere Roberto Mauri, direttore della Cooperativa La Meridiana – abbiamo superato tutti gli ostacoli e in tempo record siamo riusciti a far sorgere la struttura. Un progetto innovativo, che avrà importanti effetti sia sul piano della cura sia a livello scientifico". L'obiettivo della struttura, che ospiterà sessantaquattro residenti e cinquantacinque operatori, è quello di accompagnare nel percorso di assistenza i malati in un ambiente accogliente che si presenti come una comunità e in uno spazio che richiama l'organizzazione, i ritmi e gli spazi di un vero e proprio villaggio per contrastare l'isolamento e per consentire agli ospiti di vivere la propria autonomia residua in libertà.

"Un progetto che è stato possibile realizzare grazie alla collaborazione di tanti cittadini, di molti donatori, di enti pubblici e privati che hanno aderito a questa causa e che ringraziamo di cuore. Il Paese Ritrovato è un bene della città, del territorio – ha concluso Mauri – un luogo concreto per proseguire la sfida alla malattia del secolo e diventare importante punto di riferimento per persone e famiglie  che hanno subito e subiscono i pesanti effetti  della malattia”.  

La cittadella sorge su un'area di 14mila metri quadrati. Qui tutto, luci, colori, arredi e anche essenze, è stato accuratamente scelto e selezionato per partecipare al percorso di cura e assistenza. Sono stati installati appositi sistemici domotici e impianti tecnologici compatibili con lo stato cognitivo delle persone malate e operatori specializzati insieme al personale sanitario accompagneranno costantemente la vita degli ospiti del Villaggio.

Il costo complessivo per la realizzazione de Il Paese Ritrovato supera i 9,5 milioni di euro: una parte di questi, sei milioni e mezzo per la precisione, sono giunti attraverso donazioni a cura di famiglie, cittadini, imprese, fondazioni, associazioni. Non è mancata la collaborazione con gli enti pubblici tra cui il Comune di Monza, Regione Lombardia, ATS Brianza, ASST Monza. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Paese ritrovato, a Monza inaugura il primo villaggio per malati di Alzheimer

MonzaToday è in caricamento