rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Villasanta

Raddoppia il costo del trasporto disabili: l'opposizione chiede chiarimenti

Succede a Villasanta: è cambiato il gestore e la cooperativa che si occupa dei diversamente abili solleva critiche sul nuovo appalto

E' polemica sul nuovo appalto per il trasporto delle persone diversamente abili. La vicenda riguarda il Comune di Villasanta dove, a partire ottobre, è cambiata la cooperativa che si occupa del trasporto dei diversamente abili.

Il problema non riguarderebbe solo l'avvio con, qualche intoppo del nuovo servizio, ma anche il costo che, rispetto al passato, è quasi raddoppiato. Nei giorni scorsi la cooperativa sociale La Speranza - che prima garantiva il servizio e da anni è impegnata a Villasanta in diverse attività a sostegno delle persone con disabilità e fragilità - ha inviato una lettera al sindaco, agli assessori e ai consiglieri comunali. 

"Costi più elevati, utenza ridotta"

"L'1 ottobre il servizio di trasporto è stato totalmente sospeso - si legge nella missiva -. Il nuovo affidamento ha ridimensionato numericamente l'utenza, limitandola esclusivamente a quella continuativa verso centri sociali e altre strutture". In passato il servizio si ampliava anche al trasporto per visite ed esami anche delle persone anziane. Poi il tema del costo: per un affidamento di dieci mesi (da ottobre 2021 alla fine di luglio 2022) il canone mensile è di 11.314 euro (iva esclusa), mentre quello della cooperativa

L'opposizione chiede chiarimenti

La Speranza era di 6.277,82 euro (iva esclusa). Una vicenda sulla quale chiede delucididazioni anche il gruppo consiliare di centrodestra (Lega e lista Casiraghi sindaco) che ha preparato un'interrogazione in merito alla vicenda. Una risposta che il sindaco Luca Ornago fornirà solo in aula. La redazione di MonzaToday lo ha contattato, ma per adesso nessuna dichiarazione: la vicenda verrà affrontata nelle sedi istituzionali.

Dal Comune la cronistoria della vicenda

Intanto dal Comune arriva una ricostruzione della vicenda: "Alla fine di giugno 2021 scadeva il contratto della cooperativa La Speranza. Il Comune un mese prima aveva pubblicato il bando al quale aveva risposto solo l'Auser Brianza. All'associazione, però,  venivano richiesti ulteriori documenti. Nel frattempo, per continuare a garantire il servizio, era stata data una proroga a La Speranza. Auser Brianza aveva poi comunicato di non essere in grado di garantire tutti i servizi richiesti". Il bando era quindi andato deserto.  "Gli uffici comunali avevano perciò provveduto a individuare un nuovo soggetto specializzato nel servizio trasporto e dopo ricerche di mercato è stata individuata la cooperativa Monza2000 a cui è stato affidato il servizio nel puntuale rispetto della normativa vigente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppia il costo del trasporto disabili: l'opposizione chiede chiarimenti

MonzaToday è in caricamento