Vimercate, ricerca Niguarda: un impiegato su tre a "rischio cuore"

Il lavoro sedentario? Che stare fermi di fronte al computer non faccia bene alla salute non è una novità: ma lo screening in azienda può fare la differenza.

VIMERCATE - Il lavoro sedentario?  Sempre più "a rischio cuore". Che stare fermi di fronte al computer non faccia bene alla salute non è una novità: ma secondo lo studio presentato al congresso dell'Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri 1 impiegato  su 3 ha il colesterolo, la glicemia o la pressione alta. Il problema è che 1 su 2 non lo sa. I risultati sono stati presentati nei giorni scorsi a Firenze dai ricercatori dell'Ospedale Niguarda di Milano.

"Protagonisti" dello studio, i lavoratori di un'azienda di Vimercate. Semplice il test: nell'infermeria dell'azienda, ogni lavoratore è stato sottoposto a una visita con elettrocardiogramma, misura della pressione e analisi del sangue. A questo punto è intervenuto il medico che, in collegamento web, ha visitato il paziente sulla base dei parametri rilevati.

Per il controllo "occorrono appena 25 minuti - spiegano Antonella Moreo e Francesco Musca, cardiologi dell'Ospedale Niguarda -. In così poco tempo 'rubato' al lavoro e con un costo molto basso, visto che il medico non deve neppure spostarsi dall'ospedale, si possono individuare fattori di rischio spesso sconosciuti ai lavoratori".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Peraltro i dati segnalano che la quota di impiegati a rischio pur senza saperlo non è irrisoria: il 29% aveva il colesterolo alto, ma solo il 45% ne era a conoscenza; il 26% soffriva di pressione alta, ma appena il 43% ne era consapevole; il 13% aveva la glicemia oltre i limiti, e in questo caso il 70% lo sapeva. 
Nonostante il basso costo, sottolinea il presidente Anmco Francesco Bovenzi, "uno screening in azienda può avere ripercussioni positive non irrilevanti: la prevalenza dei fattori di rischio è elevata e molti lavoratori non hanno idea di essere ipertesi, diabetici o di avere il colesterolo alto. Scoprire di avere un'alta probabilità di infarto può essere la molla giusta per spingere molti a un cambiamento dello stile di vita, migliorando la prevenzione cardiovascolare

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento