Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Picchia la ex fidanzata in strada per rubarle il telefono e la manda in ospedale: arrestato

I fatti a Vimercate

 

La relazione finita e quei mesi di continui maltrattamenti, violenze e privazioni tanto da non poter più nemmeno utilizzare i social e contattare amici e parenti. Poi, sabato mattina, l'aggressione e la rapina in strada, con le botte per rubarle lo smartphone. 

Una brutta vicenda che grazie al tempestivo intervento dei carabinieri della stazione di Vimercate si è conclusa con l'arresto dell'uomo, 37 anni, operaio di origine romena residente in città. La vittima invece, una signora di cinquant'anni originaria dell'Ucraina, a causa delle botte è stata trasferita in ospedale da dove è stata poi dimessa con sette giorni di prognosi. 

L'aggressione in strada

L'intervento è scattato sabato 9 gennaio intorno alle 12 e a dare l'allarme sono stati alcuni passanti che hanno notato l'uomo avvicinarsi alla donna che camminava per strada e colpirla con spintoni e schiaffi alla testa fino a farla cadere e a strapparle lo smartphone di mano. I fatti sono avvenuti a poche centinaia di metri dal centro cittadino e i militari, giunti sul posto, hanno prestato soccorso alla donna, una 50enne. Poi si sono messi all'inseguimento del rapinatore che è stato fermato a meno di un chilometro di distanza con ancora in tasca il cellulare della donna.

La vittima ha sporto denuncia ai carabinieri e ha portato alla luce il contesto dell'aggressione, scaturita dopo l'interruzione della relazione e della convivenza con l'uomo che - iniziata a settembre - si era poi interrotta a dicembre. Davanti ai militari ha ammesso i reiterati maltrattamenti e le violenze, ripercorrendo inoltre le continue vessazioni subite dall’ex compagno da cui si era allontanata prima delle festività natalizie. L’operaio 37enne a partire dal mese di settembre 2020, aveva iniziato a controllare la vita della donna che lavora come badante, impedendole qualsiasi contatto con amici e parenti, vietandole anche di usare i social, riferendo che al culmine di alcune liti lo stesso le aveva distrutto i cellulari che aveva in uso.

Botte in strada per il telefono: donna in ospedale

La donna ha riportato una “contusione alla testa, faccia e spalla” ed è stata trasportata al pronto Soccorso dell’Ospedale di Vimercate e dimessa con sette giorni di prognosi. Il 37enne è stato arrestato in flagranza, poiché ritenuto responsabile dei reati di rapina e lesioni personali e, su disposizione del sostituto Procuratore di turno della Procura della Repubblica di Monza, è stato trattenuto presso le camere di Sicurezza del Comando Compagnia Carabinieri di Vimercate. Nella mattina odierna veniva effettuata l’udienza di convalida mediante video conferenza tra gli uffici dell’Arma e della Procura del capoluogo brianzolo, al termine della quale veniva disposto nei confronti dell'uomo il "Divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MonzaToday è in caricamento