Condannato per violenza sessuale scappa: i carabinieri lo trovano

L’uomo, G.G., residente a Mezzago, si era reso irreperibile dal giorno in cui la Corte di Cassazione aveva respinto il ricorso presentato dai suoi legali: i militari Nucleo Investigativo Carabinieri di Monza lo hanno rintracciato a Ballabio nel lecchese e hanno denunciato chi aiutava

Nel 2013, Giuseppe G., si era reso responsabile di violenza sessuale nei confronti della ex moglie e di episodi di maltrattamenti in famiglia e per questo è stato condannato a settembre con un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Milano a cinque anni, otto mesi e nove giorni di reclusione.

Quando i carabinieri però hanno bussato alla porta della sua abitazione, a Mezzago, per arrestarlo, non lo hanno trovato. Dell’esecuzione dell’ordine di carcerazione erano stati incaricati i militari dell’Arma di Bellusco, competente territorialmente: gli approfondimenti del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Monza però hanno consentito di scoprire che il ricercato era fuggito proprio nel giorno in cui la Corte di Cassazione aveva respinto il ricorso presentato dai suoi legali.

Dal 17 giugno 2015 Giuseppe G., 55 anni, si era reso irreperibile ma, dopo mesi di ricerche però i carabinieri sono riusciti a risalire al luogo che aveva trasformato nel suo rifugio. L’uomo si nascondeva a Ballabio, nel lecchese, dove aveva trovato un nascondiglio grazie alla complicità di due donne.

E’ stato proprio pedinando i movimenti di una signora di Usmate Velate e di un’altra donna, la attuale compagna del 55enne, che i carabinieri sono arrivati all’appartamento dove si nascondeva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricercato è stato così arrestato mentre le due donne che lo hanno sostenuto e aiutato nella fuga sono state denunciate in stato di libertà per favoreggiamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento