Pietro Virtuani è il nuovo segretario provinciale Pd di Monza e Brianza

PIetro Virtuani, 26 anni, è stato eletto con 1.220 voti, il 68,62% delle preferenze, contro i 558 dello sfidante Adriano Poletti, 55 anni.

Pietro Virtuani (foto PdMonzaBrianza)

Sono 1.220 i voti che domenica hanno decretato la nomina di Pietro Virtuani, 26 anni, a nuovo segretario provinciale del Pd di Monza e Brianza.

A lui sono andati il 68,62% dei voti, dei 59 seggi allestiti dal Partito Democratico in Brianza mentre il suo sfidante, Adriano Poletti, 55 anni, ex sindaco di Agrate Brianza, ha avuto il 31,38% delle preferenze, 558 voti.

Sul totale degli iscritti a votare è stato solo il 66,77%: 32 le schede bianche, 4 i voti nulli.

Pietro Virtuani ha 26 anni, è nato a Monza nel 1987, e ha frequentato le scuole a Brugherio.

Dopo il liceo scientifico Banfi a Vimercate si laurea in Lettere Moderne all’Università Statale di Milano e ha i primi contatti con il mondo del lavoro e la dura realtà del precariato giovanile, come lui stesso ha ammesso nella lettera di presentazione agli elettori dove ha riassunto la sua attuale posizione lavorativa così: “un contratto precario scaduto da poco e la speranza di poter continuare nella ricerca universitaria”.

Ovviamente in questo sogno di futuro che oggi è già realtà c’è anche la politica, una passione scoperta presto, a 18 anni, quando inizia la rappresentanza studentesca al liceo e poi all’Università.

Intervistato da MonzaToday, prima del Congresso provinciale del Pd di domenica, alla domanda sul perché gli elettori avrebbero dovuto votare per lui, aveva risposto così:

“Perché insieme a tanti posso costruire il Pd; cancellare le discussioni inutili di questi anni sul partito aperto/chiuso o pesante/liquido, in favore di un partito sempre partecipato (non solo quando si fanno le primarie) e che funzioni perché organizza la partecipazione e intercetta la voglia di cambiamento. Perché serve dare un messaggio, ossia che il Pd è il Partito che si fa carico di risolvere il problema delle giovani generazioni, escluse da tutto. Perché risolvere il problema dei giovani è risolvere il problema dell'Italia: è rimettere in moto energie, risorse, speranze. Perché voglio impegnarmi a costruire il profilo culturale del partito nuovo, senza debolezze e rimpianti. Perché voglio affermare con forza che i territori sono la vera forza del PD, perché nei territori è dove vinciamo e dove stiamo a contatto con le persone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nasce il Marketplace di Seregno, la risposta dei negozianti seregnesi alle vendite online

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Sono positivo e sintomatico/asintomatico: regole per la quarantena in Lombardia

  • Lissone, dramma in azienda: 53enne muore schiacciato da rullo compressore

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Coronavirus, impennata di contagi in un giorno in Brianza: i numeri a Monza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento