Cucina

Epifania in Brianza, la tradizione del "Papurott" o "Papurogio"

La ricetta

Instagram@gege_mariani

Non solo calze della Befana all'Epifania in Brianza. Oltre a dolci, dolcetti e carbone la festa dell'Epifania porta con sè anche un'altra dolce tradizione: il "Papurott".

Papurott o Papurogio è il bambolotto, dolce tipico brianzolo della festa: nella giornata del sei gennaio sulle tavole dei brianzoli, per la gioia dei bambini, non può mancare il fantoccio (esiste la variante con impasto di pan brioche o di frolla) preparato secondo le ricette della tradizione con le sue innumerevoli varianti. L'usanza di sfornare o acquistare i Papurott è particolarmente sentita a Lissone dove ogni anno all'Epifania in città avviene la distribuzione dei dolcetti e anche a Desio. La tradizione vuole che il dolce sia stato preparato per prima da una mamma che non aveva denaro a sufficiente per far trovare ai suoi bambini la mattina seguente qualche dolcetto per l'Epifania. La signora dunque avrebbe deciso di realizzare da sola, alla viglia dell'Epifania, con farina, zucchero e pochi semplici ingredienti, un dolce a forma di bambolotto. 

Ingredienti

250 grammi di farina

55 grammi di burro

30 grammi di zucchero

Scorza di limone (un pizzico a piacere)

15 grammi di lievito di birra

90 ml di latte

1 uovo

Zuccherini, uvetta e confetti colorati per la decorazione

Stampini a forma di bambolotto o manualità per conferire la forma al Papurott

Preparazione

Scaldare il latte in un tegame fino a farlo intiepidire e sciogliervi il lievito. Ammorbidire il burro. Setacciare e mescolare insieme in una terrina farina, lievito e sale e aggiungervi il burro morbido insieme al latte e al lievito. Impastare fino a ottenere un impasto omogeneo a cui dare la forma di una palla, ricoprire con un canovaccio e lasciare riposare un'ora e mezza in un posto dove la temperatura non sia troppo bassa. Una volta lievitato l'impasto è pronto per essere lavorato. 

La pasta va stesa e lavorata con gli stampini oppure a mano, per conferire la forma dei fantocci. Ai pupazzetti poi si dovranno aggiungere gli occhi, da creare con dell'uvetta e i bottoni del vestito, da realizzare magari con qualche zuccherino e, per finire, qualche confetto colorato per la decorazione finale. 

Cuocere a 180 gradi per circa 15 minuti, fino a che la superficie non sarà dorata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epifania in Brianza, la tradizione del "Papurott" o "Papurogio"

MonzaToday è in caricamento