Alcatel: Lettera aperta di Pippo Civati (PD) al governo Monti

Il consigliere regionale scrive al Presidente: salvare un'eccellenza del territorio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

Caro Presidente del Consiglio,

mi rivolgo a lei, dal mio piccolo osservatorio in Brianza, per raccontarle una storia.

Si tratta della vicenda dell’Alcatel Lucent, una multinazionale che conta 2200 dipendenti in Italia, di cui 1250 a Vimercate, in provincia di Monza e Brianza.

Il piano dell’azienda per il 2012 prevede una riduzione dei costi di 500 milioni di euro e di quasi 500 lavoratori, di cui 400 a Vimercate.

Ci sono due aspetti da considerare: i lavoratori in questione sono quasi tutti ricercatori e la delocalizzazione produttiva non riguarda in questo caso, come spesso avviene, Paesi più competitivi sotto il profilo del costo del lavoro, perché Alcatel Lucent si dichiara intenzionata a disinvestire in Italia per ‘ritornare’ in Francia e qualcuno dice per investire negli Stati Uniti d’America.

La storia dell’Alcatel Lucent, insomma, oltre a segnalare l’ennesimo caso nel quale una multinazionale cambia Paese senza che ci siano se non ricadute negative, ci parla della difficoltà dell’Italia di collocarsi all’avanguardia nel settore tecnologico e della necessità di investire con forza nell’alta tecnologia e nel digitale, «con investimenti – come scrivono i lavoratori – che rimettano in moto nel nostro paese attività in un settore strategico per tutti, ma in agonia da troppo tempo».

Ecco perché ci attendiamo da lei e da chi governerà il Paese in futuro una svolta e un nuovo percorso, che proprio al futuro sia rivolto con convinzione.

Torna su
MonzaToday è in caricamento