Acsm-Agam va a tutto gas: ricavi in crescita per 257 milioni di euro

La crisi c'è, ma non per tutti allo stesso modo. E per chi fa affari in settori strategici come le materie prime e l'energia, i fatturati possono aumentare anche quando tutto attorno è in calo.

La centrale di cogenerazione di Monza

MONZA – La crisi c’è, ma non per tutti allo stesso modo. E per chi fa affari in settori strategici come le materie prime e l’energia, i fatturati possono aumentare anche quando tutto attorno è in calo. Come per la partecipata pubblica Acsm-Agam spa per cui, è proprio il caso di dire, gli affari vanno a tutto gas.E, fra poche settimane, anche se non nella stessa misura degli anni migliori, per i suoi azionisti ci sarà un buon dividendo da mettersi in tasca.

E’ stato approvato a marzo dal consiglio di amministrazione il bilancio per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2012 della multutility di gas, acqua, teleriscaldamento ed energia nata dalla fusione di fine 2008 tra la monzese Agam e la comasca Acsm. L’ammontare complessivo dei ricavi delle vendite nel 2012 ha raggiunto i 257,8 milioni di euro, in aumento rispetto all’esercizio precedente (217,2 milioni) soprattutto per effetto della vendita gas, sia per i maggiori quantitativi venduti che per l’incremento della materia prima dovuto al diverso scenario macroeconomico del mercato energetico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Buono è quindi il margine operativo netto cresciuto del 20% rispetto al 2011, fino a 19,4 milioni (16 milioni al netto delle imposte) pari a un utile per il Gruppo di 6,4 milioni, il 50% in più rispetto ai 4,2 milioni dell’anno prima. Abbastanza perché il Cda proponga un dividendo lordo da 0,04 euro ad azione che sarà staccato il 30 maggio agli azionisti: al Comune di Monza socio al 29,1%, Como al 24,5%, la privata A2a 21,9% e il resto agli azionisti sul libero mercato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento