Economia Via Erminio Rovagnati

Banco Desio condannato: dovrà restituire 50.000 euro ad azienda

L'istituto brianzolo è stato condannato dal giudice del tribunale di Monza. Se un contratto derivato sottoscritto come forma di protezione si rivela speculativo, non è valido

La banca dovrà restituire 50.000 euro

DESIO - Il Tribunale di Monza ha condannato il Banco Desio a rimborsare 50 mila euro a una società che aveva sottoscritto nel 2003 un contratto derivato Interest Rate Swap (Irs), poi dichiarato nullo per difetto di causa. Se un contratto derivato sottoscritto come forma di protezione si rivela speculativo non è valido, hanno stabilito i giudici in una sentenza depositata il 17 luglio scorso, che condanna quindi l'istituto di credito a restituire all'azienda quanto perso in seguito alla sottoscrizione del contratto. A comunicarlo è lo studio legale di Franco Fabiani, che ha assistito la società cliente, precisando che la sentenza del tribunale di Monza ha disposto che "un contratto derivato swap Irs venduto al cliente come strumento finanziario con finalità dichiaratamene volte a garantire la copertura dai rischi legati alla variazione dei tassi di interesse sull'indebitamento è nullo per difetto di causa (...) laddove si ravvisi che le condizioni economiche del contratto siano tali da non corrispondere alla funzione di copertura voluta". Pertanto, il Banco Desio è stato condannato a restituire alla società la somma di 48.943,11 euro oltre agli interessi. (ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banco Desio condannato: dovrà restituire 50.000 euro ad azienda

MonzaToday è in caricamento