Banco Desio Lazio: udienza rinviata al 28 giugno

Banco di Desio e della Brianza SpA comunica che l'udienza preliminare del procedimento penale n. 22698/08 in corso presso il Tribunale di Roma è stata rinviata al 28 giugno 2013

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

"Banco Desio Lazio SpA" e "Credito Privato Commerciale SA in liquidazione": Rinvio al 28 giugno 2013 dell'udienza preliminare del procedimento penale n° 22698/08 presso la Procura della Repubblica di Roma.

Banco di Desio e della Brianza SpA comunica che l'udienza preliminare del procedimento penale n. 22698/08 in corso presso il Tribunale di Roma è stata rinviata al 28 giugno 2013. In merito a notizie di stampa di questi giorni, che richiamano avvenimenti già da tempo noti al pubblico e anche in passato ampiamente riportati dai Media, Banco Desio precisa che sono state condotte dalla Magistratura due indagini penali, una delle quali - incardinata presso la Procura della Repubblica di Monza a seguito della denuncia di un ex dipendente e del di lui padre - è stata archiviata nel mese di settembre 2012, come già reso noto al Mercato. L'altra ha portato ad un giudizio in corso presso il Tribunale di Roma che vede coinvolte le controllate CPC SA (Credito Privato Commerciale di Lugano, dal giugno dello scorso anno in liquidazione) e Banco Desio Lazio SpA di Roma - nell'ambito della responsabilità penale amministrativa delle imprese ex D.Lgs. 231/2001 - oltre ad alcuni loro ex esponenti. Per queste due partecipate risultano verificate le condizioni alle quali il richiamato D.Lgs. subordina l'applicazione del patteggiamento, che prevede il pagamento di una sanzione il cui importo è già stato debitamente accantonato. Pertanto alla prossima udienza verrà presentata richiesta di patteggiamento. Per quanto a conoscenza non sono state comminate sanzioni e/o radiazioni a esponenti del CPC SA in liquidazione dall'Autorità di Vigilanza Elvetica, o da altre Autorità estere. Banco Desio stigmatizza il fatto che una vertenza di lavoro, peraltro con esito favorevole per il Banco in primo grado di giudizio, venga strumentalizzata facendo ripetuti malevoli accostamenti. Banco Desio si riserva ogni azione, in tutte le sedi opportune, a tutela della propria immagine. Desio, 19 aprile 2013

Torna su
MonzaToday è in caricamento