BEA spa Desio, i sindacati: "Serve un piano investimenti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MonzaToday

BEA spa (Brianza Energia e Ambiente) da sempre è la società pubblica che si occupa dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, provenienti dalla raccolta differenziata ed avviati alla filiera del riciclo e della frazione residua avviata al recupero energetico per la produzione di energia elettrica ed il sostentamento del teleriscaldamento e teleraffrescamento che ad oggi serve tre comuni.

Negli anni BEA, oltre ad aver introdotto la raccolta differenziata nei Comuni, averli dotati di piattaforme ecologiche, creato la rete di teleriscaldamento e creato un impianto fotovoltaico che alimenta le parti elettriche dell’impianto di teleriscaldamento e teleraffrescamento, ha rinnovato con un investimento di 10 milioni di euro, i generatori di vapore per una migliore efficienza energetica e implementando costantemente i sistemi di depurazione fumi degli impianti di termovalorizzazione per garantire ampiamente i limiti previsti dalla legge e fornire il miglior servizio possibile alla cittadinanza ed ai comuni soci.

Riteniamo il servizio di igiene ambientale essere un servizio pubblico di rilevanza strategica per i cittadini: quindi  chiediamo agli amministratori di trovare una soluzione opportuna e condivisa sul futuro di Bea, evitando così ricadute sul territorio, come rischiare di avere i rifiuti in mezzo alla strada come succede in alcuni Comuni italiani.

Riteniamo perciò che gli amministratori debbano, senza esitazione alcuna, fornirci gli orientamenti politici che indirizzano la nostra società verso la migliore soluzione che garantisca la chiusura del ciclo integrato dei rifiuti, cioè la raccolta, la gestione e lo smaltimento dei rifiuti prodotti su un territorio in modo autonomo e senza scaricare tale gravosità su terzi.

Per raggiungere questo risultato la “nostra” società necessita di un piano di investimento , anche innovativo, ma oggi sul tavolo ce ne uno solo. Un’ eventuale alternativa deve essere  presentata in tempi congrui tenendo in considerazione le vere esigenze del territorio e il futuro dei lavoratori, senza sprecare investimenti fino ad ora fatti.

In relazione al lungo e non sempre corretto dibattito aperto, relativo al piano industriale di Brianza Energia Ambiente SpA, riteniamo indispensabile e inderogabile,  che chi ricopre responsabilità amministrative colga l'occasione per decidere come affrontare il futuro dell'azienda, sapendo che non si può disperdere un patrimonio industriale, di conoscenza e lavoro che si è creato in 50 anni di attività.

Gli impegni societari, devono puntare anche ad aggregazioni con aziende territoriali o acquisizioni di rami d’azienda, che garantiscano il ciclo integrato dei rifiuti, possibilmente in mano pubblica. L’acquisizione di nuovi asset strategici per la gestione del ciclo integrato dei rifiuti, può diventare il punto strategico di un piano industriale che migliori il servizio fornito ai comuni e i cittadini, sia sotto l’aspetto della qualità che dell’economicità, tutelando con fermezza i diritti dei lavoratori.

Questa è la lungimiranza che chiediamo ai nostri amministratori: “ciclo integrato dei rifiuti e determinazione per traghettare la nostra società nel futuro della gestione dei rifiuti”.

Rispetto il piano esistente, elaborato da BEA, abbiamo presentato le nostre indicazioni ai sindaci e all’azienda in un comunicato ufficiale in cui i lavoratori esprimono le loro preoccupazioni e proposte per garantire una piena occupazione con la maggiore tutela possibile

Non siamo ancora entrati nel merito delle scelte industriali in quanto sappiamo che c’è un dibattito aperto tra i soci e non vogliamo creare ulteriori frizioni tra le parti.

Quello che faremo, visto che siamo stati invitati a partecipare all’assemblea dei soci, sarà quello di portare il nostro contributo e le nostre indicazioni all’interno di un dibattito costruttivo che deve assicurare l’igiene urbana ed il ciclo integrato dei rifiuti.

Le Rappresentanze Sindacali Unitarie di B.E.A. S.p.A

 

Le OO.SS. di Monza e Brianza

FILCTEM CGIL - FEMCA CISL

 

Desio, 8 ottobre 2012

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento