rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Aumenti e bollette

Il nuovo decreto del governo con il bonus bollette

Le misure allo studio per far fronte ai rincari energetici e i fondi che l'esecutivo pensa di stanziare

Negli ultimi giorni di lavoro prima delle elezioni e dell'insediamento del nuovo esecutivo, il governo Draghi ancora in carica ha intenzione di predisporre un terzo decreto aiuti con l'obiettivo di attenuare gli effetti del caro bollette per famiglie e imprese. Nel pieno della campagna elettorale, con i partiti politici d'accordo sulla necessità di nuovi (e urgenti) interventi, il testo del provvedimento in questione dovrebbe essere esaminato in un Consiglio dei ministri tra giovedì 15 e venerdì 16 settembre, dopo il via libera del Parlamento alla relazione sui fondi da stanziare predisposta nei giorni scorsi dal ministro dell'economia Daniele Franco.

Come spiega Today.it, il valore totale di quello che a tutti gli effetti sarà un "decreto aiuti ter" dovrebbe essere fissato a circa 13 miliardi di euro, soldi che si aggiungono ai circa 50 miliardi stanziati finora dal governo per far fronte alla crisi energetica e al caro bollette. Le risorse andranno in parte alle imprese, per prorogare ed eventualmente rafforzare il credito d'imposta, e in parte alle famiglie, con un possibile ampliamento della platea di beneficiari degli sconti sulle bollette della luce e del gas. Di seguito, nel dettaglio, le anticipazioni di Today sulle misure che dovrebbero entrare nel nuovo decreto.

Come cambia il bonus sociale sulle bollette nel nuovo decreto del governo

Partiamo dal bonus sociale sulle bollette. Questo incentivo, uno sconto direttamente in bolletta sul costo di luce e gas, è già stato esteso a milioni di famiglie italiane dall'inizio dell'anno a oggi, con la possibilità di beneficiarne legata al reddito Isee (indicatore della situazione economica equivalente). Lo scorso mese di marzo, con effetto retroattivo, il tetto per tutti coloro che ne possono usufruire è stato innalzato da 8.265 a 12mila euro in generale, e a 20mila euro per i nuclei familiari con almeno quattro figli a carico.

Adesso, per l'ultimo trimestre dell'anno, sul tavolo del governo ancora in carica c'è la possibilità di spostare di nuovo in avanti la soglia Isee per poter accedere al beneficio economico, fino a raggiungere i 15mila euro, ampliando così il numero di cittadini che hanno diritto agli sconti sull'energia. Il bonus in questione viene applicato in automatico da Arera, l'autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, sulla base dei dati relativi al reddito a sua disposizione.

Il credito d'imposta per le imprese

Al di là della probabile estensione del bonus sociale, un'altra misura che dovrebbe vedere la luce è la proroga del credito d'imposta per le imprese energivore, che verrebbe applicato negli ultimi mesi dell'anno anche in favore di altre aziende: secondo le ipotesi circolate in queste ore, vi rientrerebbero anche i piccoli esercenti con attivi contratti di potenza fino a quattro kilowattora. Tra gli altri interventi destinati ad entrare nel nuovo decreto ci sarebbe anche la rateizzazione delle bollette, sia per le famiglie che per le imprese. Qui però il condizionale è d'obbligo, soprattutto perché rimane aperta la questione delle coperture necessarie. E servirà il via libera delle Camere.

Quali risorse?

Come detto all'inizio, il governo intende mettere sul piatto risorse per 13 miliardi di euro. Di questi, 6,2 miliardi verrebbero recuperati dall'extragettito fiscale entrato nelle casse dello Stato nei mesi di luglio e agosto. Gli altri potrebbero invece arrivare dalla percentuale sugli extraprofitti che le imprese del settore energetico sono tenute a versare. Reperire fondi ulteriori contro il caro bollette è complicato, soprattutto perché il governo Draghi vuole evitare uno scostamento di bilancio, varando un provvedimento per calmierare il costo dell'energia e rimborsare le bollette impazzite senza ricorrere ad un extra deficit.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il nuovo decreto del governo con il bonus bollette

MonzaToday è in caricamento